Una guida ai fiori di giugno

Giugno, mese dei matrimoni e delle grandi fioriture. Si allontanano le allergie primaverili e si avvicina l’estate, con le sue giornate più lunghe e luminose e le sue fioriture fresche, colorate, gentili. Un’ode alla bellezza e al profumo di fiori e piante d’inizio estate: la begonia, la verbena e  la passiflora; o ancora le campanule, la bocca di leone e la dalia; per concludere con girasoli e margherite a fine mese, per un giugno davvero fiorito. Di seguito, una guida ai fiori di giugno.

Sommario dell’articolo 

I fiori di Giugno

A Giugno il sole diventa più caldo, le ore di luce aumentano, i pollini si allontanano insieme alle allergie stagionali e diverse varietà di fiori e piante fioriscono. Un tripudio di verde e tantissimi colori, che allietano l’occhio e l’olfatto e si vedono protagonisti non solo nelle serre ma anche in giardini, appartamenti, balconi, matrimoni e molto altro. Di seguito le fioriture del mese di giugno e come prendersi cura dei fiori e delle piante. 

Fioriture di piante da fiore 

Begonia

La begonia è una meravigliosa pianta perenne di origine tropicale appartenente alla famiglia delle Begoniacee. Ha fiori molto colorati e variopinti ed è particolarmente adatta sia alle coltivazioni in casa e appartamento, specialmente la begonia tuberosa,  sia in giardino come la begonia fascicolata, ideale durante tutto il periodo estivo. È una pianta che richiede pochissime attenzioni: posizionarla in un luogo soleggiato non con luce diretta, un concime naturale da aggiungere al terriccio. 

Clematide

Graziose piante rampicanti con una lodevole fioritura, le clematidi comprendono diverse varietà di grandezza nei tipici fiori a foggia di stella. I colori sono vari e spaziano dal rosa tenue al fucsia, fino ad arrivare ad un viola molto intenso. Le clematidi a fioritura estiva tendono a fare grandi gettate di fiori fino all’autunno, rivelandosi piante ornamentali molto pregiate anche per la loro natura di pianta rampicante, che le rende perfette per abbellire grate, recinzioni, colonne, facciate, archi e molto altro. 

Verbena

Pianta erbacea coltivata con scopo ornamentale, la verbena trova la sua massima espressione in composizioni in vasi da esporre in giardino, anche grazie alla sua longeva e meravigliosa fioritura. Di dimensioni variabili, ha in genere dimensioni di cespuglio o arbusto, specialmente se interrata. Ha foglie verde scuro e simpatici fiori colorati, che iniziano a fiorire a inizio estate e prolungano le gettate fino in autunno, anche e soprattutto in base a clima, umidità e luce. È da coltivare in luoghi luminosi e in periodi caldi, poiché non tollera il freddo. Il terriccio deve essere soffice, poroso e ben concimato. 

Iris 

Termine che in greco antico significa “arcobaleno” oltre ad essere il nome di una dea minore, l’iris è un fiore estremamente diffuso negli ultimi anni nelle dimore e nei giardini più raffinati come quello il giardino dell’iris situato a Firenze. Sono fiori estremamente delicati, in ogni varietà: necessitano di attenzioni e cure continue, con una perfetta dose d’acqua e di luminosità. Evitare in ogni modo pericolosi ristagni, che potrebbero portare le radici a marcire. 

Girasoli

Con una fioritura che vede il suo apice ad agosto, il girasole inizia a produrre fiori già nel mese di giugno inoltrato. Un fiore dalla bellezza inconfondibile e dalla grande energia e vitalità, che può essere coltivato sia in vaso che a terra, oppure può essere scelto per integrare deliziose siepi. Se coltivato in vaso, meglio sceglierne uno abbastanza grande da accoglierlo. Se coltivato a terra, è consigliato scegliere un luogo molto soleggiato e molto caldo. Meraviglioso se scelto per agghindare balconi particolarmente esposti alla luce solare. 

Gelsomino

Annaffiature regolari, tagli e pulizia continui, sono le accortezze per il gelsomino. Un fiore dal profumo intenso, un rampicante sempreverde che nel periodo estivo, da giugno a settembre, regala gradevoli fioriture profumate. Idoneo da parete in terrazza o come pianta ricadente e siepi in giardino è un fiore delicato ed elegante.

Margherita

La margherita, bellissimo esemplare di pianta perenne cespugliosa. Un fiore che ama i luoghi luminosi e soleggiati, a tratti freschi e semi ombrosi, purché non ventosi. Predilige terreni fertili e umidi, da irrigare costantemente. Perfette anche in vaso, qualora non si avesse un giardino a disposizione, necessitando di uno spazio più ampio. 

Ortensia 

Arbusto che può arrivare fino a 6 metri di altezza, l’ortensia è sicuramente la regina di giugno. Inizia a fiorire a marzo, quando il clima è ancora piuttosto primaverile, per poi dare il meglio di sé a giugno, grazie al calore e luminosità del sole estivo. Richiede un terreno particolarmente fertile e umido, ma non troppo bagnato. La caratteristiche di questo fiore è il suo cambiamento cromatico dato dal pH del terreno: più il terreno sarà acido, più saranno blu, più sarà basico, più saranno rosa.

Passiflora

Detto anche fiore della passione, la passiflora è uno dei protagonisti delle fioriture di giugno. Rampicante rustico sempreverde, è caratterizzato da una corolla di petali bianchi che circondano una corona di filamenti sottili a più colori. Può crescere notevolmente in altezza, divenendo ideale per coperture e pergolati. 

Campanula 

Altro trionfo di colore per le campanule, perfette da disporre in vaso o in deliziose aiuole fiorite. Devono il loro nome alla simpatica forma a campana, con petali svasati verso l’esterno. Vengono dall’Estremo Oriente e prediligono le posizioni di semi ombreggiatura. I primi fiori iniziano a sbocciare a giugno, per poi continuare a luglio e agosto. Per la loro cura sono necessarie poche attenzioni: mantenere la pianta lontano da fonti luminose dirette, annaffiare costantemente e mantenere un pH del terreno abbastanza acido. 

Bocca di Leone 

Tra la fine di maggio e l’inizio di giugno sboccia la bocca di leone, specie floreale molto diffusa in tutto il bacino del Mediterraneo, deve il suo nome alla singolare forma dei suoi petali, che ricordano proprio il muso di un leone. Molto facile da coltivare, è una pianta perenne che richiede davvero pochissimi accorgimenti. Richiede temperatura ed esposizione corrette. Ideale da piantare in giardino, in un luogo luminoso ma riparato. 

Dalia 

Originaria dell’America Centrale, la dalia è una pianta tropicale dall’aspetto unico, con una disposizione dei petali precisissima che ricorda le teorie matematiche e geometriche dei frattali. Data la sua origine tropicale, non è un fiore adatto in appartamento, mentre trova la sua espressione primaria nei bouquet di fiori freschi. Molto esigente, richiede un terreno particolarmente ricco e fertile e non è destinata a vita lunga nemmeno in vaso.


Le piante

Salvia

Una delle piante aromatiche per eccellenza, la salvia è conosciuta fin dai tempi più antichi per le sue doti officinali. “Salvia” viene dal latino salus, salute, ha un intenso profumo ed è largamente usata in cucina. In base alle diverse varietà, può presentare fiori rossi, bianchi, azzurri o lilla e può raggiungere fino al metro di altezza. Poco esigente, vive bene se esposta in pieno sole, amando particolarmente sia la luce che il caldo. 

Aloe

Tra marzo e settembre fiorisce l’aloe, pianta grassa molto amata, con fiori dal nettare dolcissimo. Importata dal Sudafrica in Olanda ad Amsterdam e poi diffusasi in tutta Europa, l’aloe è la perfetta pianta da appartamento. Pianta officinale dagli innumerevoli benefici: il gel contenuto all’interno delle sue foglie, in effetti, può essere utilizzato per curare eritemi, pelle desquamata o capelli fragili ma può anche essere unito a frullati e preparati alimentari per migliorare il transito intestinale. La sua cura è semplice, esporla al sole dall’autunno alla primavera mentre prediligere zone a mezz’ombra nel periodo estivo. Annaffiarla poco, mezzo bicchiere d’acqua a settimana basterà. 

Testo di Elena Cirla