Piante per pergolati, quali scegliere

piante per pergolati

Le piante per pergolati sempreverdi rampicanti sono scenografiche e l’ideale per abbellire gazebi e giardini. C’è davvero l’imbarazzo della scelta, dalle piante sempreverdi a quelle fiorite, dalle esotiche a quelle con i frutti. Con l’arrivo della primavera e della bella stagione, i giardini si trasformano nel luogo ideale dove trascorrere piacevoli momenti in compagnia della natura, sotto pergolati fioriti e ombreggiati. 

Sommario dell’articolo 

piante per pergolatiCome scegliere le migliori piante rampicanti per pergolati

Il grande vantaggio delle piante rampicanti sempreverdi è quello di mantenere il loro aspetto in tutte le stagioni dell’anno, evitando di dare ai giardini in inverno l’effetto spoglio e desolato. Sono resistenti al freddo e non necessitano di eccessiva manutenzione. Queste specie sono indicate non solo per i pergolati, ma anche per le recinzioni e le pareti. 

Le piante rampicanti perenni non sempreverdi sono ideali per pergolati e gazebi perché lasciano filtrare i raggi del sole nei mesi invernali. Durante la bella stagione sono ricche di fiori e frutti, donando al pergolato un aspetto fresco e rigoglioso.

Le caratteristiche che accomunano le piante rampicanti sono la grande quantità di foglie e fiori oltre alla velocità di crescita. Con un fusto molto lungo e sottile, in grado di diramarsi in diverse direzioni, si appoggiano ad un qualsiasi sostegno che riescono a trovare nelle vicinanze. La combinazione di piante sempreverdi e perenni, potrebbe essere il giusto compromesso per rendere il pergolato perfetto.

Le piante rampicanti sempreverdi 

Edera

L’edera appartiene alla famiglia delle arialiacae ed è la pianta rampicante per pergolati per eccellenza ed indubbiamente la più conosciuta. E’ una pianta molto apprezzata per la rapidità di crescita e per il suo aspetto elegante. Molte varietà, con diverse colorazioni delle foglie, dal verde intenso alle screziature bianche e gialle. Le più diffuse sono l’Hedera Hibernica, caratterizzata da foglie a cinque punte dal colore verde scuro e l’Hedera Helix o edera comune. Si sviluppa in modo rigoglioso e richiede poca manutenzione durante la crescita. Non ha bisogno di supporti in quanto le sue radici aeree si attaccano ai muri. Per questo motivo bisogna fare attenzione che non diventi una pianta infestante. Resiste alle basse temperature, anche con diversi gradi sotto lo zero e si adatta a qualsiasi condizione di luce. Non necessita di grandi quantitativi di acqua. Nella stagione estiva sbocciano i fiori che sono simili a palline ricoperte di spilli. Può essere coltivata in vaso o direttamente nel terreno e la potatura può avvenire in qualsiasi stagione, soprattutto per il contenimento delle forme.

Piracanta

La piracanta o spina di fuoco, chiamata così per le sue numerose spine a difesa dei frutti, è altrettanto famosa fra le piante adatte per pergolati. La piracanta appartiene alla famiglia delle rosacee e la varietà più diffusa per rendere ricchi i pergolati è la Pyracanta Coccinea. E’ un arbusto con ramificazioni sottili e fitte che giungono fino al terreno. Le foglie sono a spatola, di colore verde scuro, con fiori bianchi e in estate è caratterizzata da bacche con tonalità dal giallo al rosso, all’arancione. Questa pianta si adatta facilmente a tutte le condizioni climatiche, tanto da poter essere coltivata a 1000 metri di quota. Necessità di un terreno ben drenato e di pochissima acqua in quanto è autosufficiente.

Clematide 

Una tra le più note e apprezzate per la sua resistenza tra le piante rampicanti sempreverdi per pergolati è la Clematide o Clematis. Questa specie della famiglia delle Ranunculacee è adatta a piccoli giardini, ma anche a grandi tenute. Grazie alla sua fioritura lunga e precoce, già a fine febbraio le sue foglie sono verdi e rigogliose ed i fiori si mantengono a lungo fino quali all’autunno, rendono i gazebi ed i pergolati piacevoli e accoglienti per molti mesi. I fiori presentano toni che vanno dal bianco al blu, passando per il rosa e il lilla a seconda della specie. La Clemantide sempreverde necessita di un sostegno per potersi sviluppare in altezza e ama i terreni umidi per potersi sviluppare. 

Clematide

Le piante perenni non sempreverdi rampicanti

Tre piante rampicanti per i pergolati non sempreverdi perenni a cui spesso non si pensa sono il kiwi, il luppolo, la vite e la vite americana. I pergolati in legno sono adattissimi a ospitare non solo i fiori dei gelsomini, delle bouganville e del glicine ma anche alberi da frutta che oltre a dare un bell’aspetto donano anche gradevoli frutti.

Gelsomino

Il gelsomino dal profumo intenso e inconfondibile, è una pianta usata per i pergolati. Appartiene alla famiglia delle Oleacee del genere Jasminum. E’ considerata una tra le piante rampicanti classiche per creare un pergolato, in quanto riesce a donare grazia e carattere alla struttura. Fiorisce nel periodo estivo tra giugno e luglio, con fiori bianchi dai piccoli e profumatissimi petali. Le sue foglie piccole ed ovali, cadono con l’arrivo del freddo. Necessita di posizioni soleggiate e di molta acqua per crescere. Si sviluppa in tempi rapidi e per questo necessità di continue potature.

Bougainvillea

La Bougainvillea appartiene alla famiglia delle Nyctaginaceae ed è la pianta perfetta usata per pergolati per chi vuole immergersi nell’atmosfera esotica del Sudamerica. I colori caldi e sgargianti delle grandi brattee floreali che vanno dal fucsia al viola, richiamano l’estate. Diciotto sono le specie conosciute e coltivate. La sua crescita è veloce e può arrivare ad altezze impressionanti, in alcuni casi fino ai 12 metri. Si raccomanda sempre di valutare la posizione sia per coltivata in vaso che in giardino. Essendo una pianta tropicale ama il sole e la sua crescita sarà tanto più rigogliosa quanto più il clima sarà mite e caldo. Tollera temperature oltre i 40°, mentre non ama le temperature sotto i 6 °. Nelle zone equatoriali, la sua fioritura è continua tutto l’anno. Con gli altri climi, il periodo di fioritura è nel periodo estivo ogni 4-6 settimane. Necessita di regolari annaffiature, mai troppo abbondanti.

Glicine

Il glicine, pianta per pergolato da giardino, in Cina è da sempre considerato simbolo di amicizia, per il suo modo di saldarsi al supporto che lo sostiene. Una pianta dall’aspetto così romantico e delicato, racchiude invece una grande forza grazie alla sua struttura legnosa. E’ in grado di svilupparsi orizzontalmente anche per 50 metri aggrappandosi agli opportuni supporti e arrivare al quinto piano di un palazzo. Il glicine appartiene alla specie della Wisteria ed è possibile ammirare le oltre 60 varietà nei giardini di Villa della Pergola ad Alassio (GE). La sua crescita è molto rapida, ha foglie verdi ovali ed in aprile-maggio produce grappoli di fiori molto profumati che variano dal bianco al lilla a seconda della specie. Tollera il caldo intenso e le temperature ben al di sotto dello zero. Si adatta bene a qualsiasi terreno, anche se predilige una terra fertile e ben drenata. Non necessita di grandi quantitativi di acqua e la potatura dovrà essere fatta nel mese di maggio dopo la fioritura.

La vite

La vite è una tra le piante più antiche del mondo, si pensa infatti che la vite selvatica esistesse ancora prima della comparsa dell’uomo sulla Terra. Utilizzare la vite per decorare il pergolato in giardino, poterà bellezza e bontà grazie ai suoi frutti. Si consiglia di scegliere uva da tavola come la fragola e la francesina. La vita è una pianta rampicante perenne non sempreverde con foglie caduche che cresce molto velocemente. Con l’arrivo della stagione fredda, le foglie cadranno per permettere alla pianta di affrontare l’inverno. La fioritura avviene invece nel corso della primavera con grappoli che lasceranno spazio all’uva con colori dal verde al viola scuro.

Vite

Vite Americana

Per coloro che amano i forti colori autunnali, la scelta per la pianta rampicante per il pergolato potrebbe ricadere sulla vite americana o Parthenocissus quinquefolia o vite rossa. Questa pianta di origine Nord Americana della famiglia delle Vitaceae oltre ad avere un aspetto rigoglioso, ha la particolarità che durante l’autunno le sue foglie a cinque punte si tingono di un rosso vivo molto acceso, prima di prepararsi all’inverno. La vite americana è una pianta non adatta a chi ama un pergolato rigoglioso anche durante la stagione fredda. La vite americana predilige un clima temperato ma resiste bene anche al freddo invernale. Può essere coltivata sia in vaso che nel terreno del giardino. Necessita di sostegni per potersi sviluppare e ama la mezza ombra. Si adatta facilmente ad ogni tipo di terreno, purché ben drenato.

Vite americana

Kiwi

Il kiwi o Actinidia chinensis, appartenente alla famiglia delle Actinidiacee, oltre ad avere frutti commestibili è una pianta rampicante per pergolati o muri robusti. La pianta del kiwi ha origini asiatiche, con foglie caduche arrotondate, con fiori bianchi ed i tipici frutti, che possono essere raccolti da dicembre a febbraio. Per riuscire a coltivare i suoi frutti sono necessarie una pianta maschile  e una pianta femminile da impollinare essendo una pianta dioica: i fiori maschili e quelli femminili sono su piante diverse. Una pianta può produrre fino a 8 kg di kiwi all’anno ma fruttifica dopo almeno 5 anni dall’impianto. Il kiwi ama le zone temperate, non c’è pericolo di gelate tardive che possono metter in pericolo non solo i fiori, ma anche i nuovi germogli. La posizione migliore è semi ombreggiata a riparo dai forti venti. La pianta rampicante del kiwi deve essere ben irrigata in tutte le stagioni.

Kiwi

Luppolo 

Il luppolo o Humulus lupulus, è un rampicante perenne per pergolati non sempreverde, rigogliosa e dalla crescita molto rapida, arrivando a raggiungere anche gli 8 metri di altezza. Conosciuta soprattutto per la produzione della birra, è spesso utilizzata come pianta ornamentale da esterno, grazie anche alla sua resistenza al freddo, quindi ai climi nel nord, può resistere fino a 30° sotto zero. Appartiene alla famiglia delle Cannabacee ed è caratterizzata da una colorazione delle foglie tendente al giallo. E’ diffusa anche allo stato selvatico, spesso in zone collinari, lungo i sentieri e vicino ai fiumi. La pianta rampicante del luppolo ha delle radici molto sviluppate che la ancorano saldamente al terreno. E’ una pianta dioica come il kiwi ed i fiori sono penduli simili alle pannocchie e leggermente profumati. Il luppolo fiorisce in estate tra agosto e settembre. Necessita di molto sole e annaffiature regolari.

Luppolo

Le rampicanti per pergolati

Molteplici sono le piante rampicanti per pergolati che riescono a rendere ospitali gazebi che altrimenti risulterebbero spogli. Queste hanno la capacità di svilupparsi verticalmente ancorandosi a supporti di vario genere per donare un’ottima copertura e creare zone d’ombra all’interno di giardini e di terrazzi.

Le rose rampicanti

Rosa rampicante

Una tra le più eleganti e romantiche piante per pergolati sempreverdi è la rosa rampicante.  Questa pianta sarmentosa, con ramo e fusto flessibile, è nota per il suo valore ornamentale e grazie alle sue ramificazione è una tra le piante adatta a coprire gazebi, muri e archi. La rosa rampicante, originaria dell’emisfero boreale si divide principalmente in due varietà la rambler e la climber. La Rambler  è una pianta rampicante sempreverde con un’abbondante fioritura solo nel periodo estivo, con fiori di piccole dimensioni e non ha necessità di essere potata. La rampicante Climber ha steli rigidi, necessita di potature e di appoggi per la crescita. Può arrivare fino ad un’altezza di 10 metri. Entrambe sono caratterizzate da foglie verde scuro con bordi seghettati, dalle spine e i frutti prendono il nome di cinorrodi.

I fiori hanno molti petali con colori mai troppo accesi, che vanno dal bianco, al rosa al blu, che si possono perfettamente integrare tra loro, donando un aspetto variopinto al pergolato in legno. Questa pianta rampicante arbustiva è perfetta per qualsiasi clima, anche se predilige zone temperate al riparo dal vento. In base alle varietà e al colore del fiore necessita di zone differenti per la coltivazione. Le rose con colori chiari che vanno dal bianco, al rosa, al giallo chiaro preferiscono zone a mezz’ombra, mentre quelle dai colori accesi necessitano di maggiore esposizione al sole. L’annaffiatura preferita è quella a goccia e vanno innaffiate due volte alla settimana senza abbondare, onde evitare la formazione di muffe e funghi. La concimazione dovrebbe avvenire alla comparsa dei boccioli. La rosa rampicante può essere coltivata sia in vaso che nel terreno, raggiungendo anche altezze considerevoli. Proprio per questo motivo ha necessità di supporti e strutture alle quali ancorarsi.

Il caprifoglio rampicante

Una tra le piante rampicanti sempreverdi per i pergolati è il caprifoglio. Appartiene alla famiglia delle caprifoliaceae ed una pianta rampicante originaria dei climi temperati Asiatici e Statunitensi che, nel corso dei secoli, si è sviluppata anche nel continente Europeo. Il suo nome latino caprifolium deriva dal curioso abbinamento delle parole capra e foglia, dovuto alla capacità della pianta di arrampicarsi, così come le capre fanno in cerca delle sue foglie.

Con una grande velocità di crescita, si attorciglia a qualsiasi supporto con grande autonomia grazie alle sue liane e può raggiungere fino a 5 metri d’altezza, coprendo vaste superfici. Il caprifoglio è una pianta sempreverde poco esigente in fatto di terreno, anche se preferisce quelli ricchi di humus e umidi soprattutto in estate. Necessita di abbondanti annaffiature, consigliate durante le prime ore del mattino. Predilige un clima mite, senza eccessive escursioni termiche. Riesce a sopravvivere anche in condizioni climatiche più fredde, con la conseguenza che le fioriture saranno meno abbondanti. A causa del suo vigore nella crescita è difficile abbinarla ad altre piante sempreverdi adatte alla copertura dei pergolati in legno, in quanto rischierebbe di soffocarle. Se piantato con una certa attenzione e con il giusto spazio, il caprifoglio abbinato alla Clematide e all’ Ortensia rampicante, potrebbe essere la soluzione più adatta per avere un pergolato rigoglioso e molto profumato.

Fiore della passione rampicante

Fiore della passione

Il fiore della passione o passiflora è una tra le piante rampicanti sempreverdi per pergolati più romantiche e rilassanti. Appartiene alla famiglia delle passifloraceae e comprende più di 600 specie. Esistono varietà adatte ai diversi tipi di clima, da quello temperato a quello più freddo. La particolarità di questa pianta sono i fiori solitari. Con petali bianchi rosati ed una corona con filamenti brillanti di colore blu/viola,  hanno un diametro che può superare anche i 10 cm. I suoi frutti sono commestibili e conosciuti con il nome di maracuja o frutto della passione dal colore arancione, con molti semi al suo interno.

L’unica specie coltivata in Italia è la passiflora caerulea, che produce il frutto della passione, commestibile quando molto maturo ma non in commercio. Il maracuja commercializzato è quello prodotto dalla passiflora edulis. La passiflora caerulea è molto utilizzata come pianta per i pergolati grazie alla sua resistenza al freddo e alle gelate invernali, contrariamente alle altre specie. Il fiore della passione rampicante necessita di un’abbondante annaffiatura per tutta la durata della bella stagione, evitando i ristagni di acqua. La passiflora, originaria delle zone tropicali del continente meridionale americano, veniva anticamente utilizzata dal popolo Azteco, non solo per il suo aspetto decorativo e per i suoi frutti dal sapore delicato, ma anche come pianta medicinale. Grazie alle sue capacità sedative e ansiolitiche, il fiore della passione veniva utilizzato per ricavare sciroppi ed estratti medicali contro l’insonnia e la tachicardia.

Bignonia

La bignonia è una tra le piante rampicanti sempreverdi per pergolati che si coltiva con grande facilità tutto l’anno. La campsis radicans, chiamata comunemente “gelsomino della Virginia” è originaria del Nord America. Pianta rampicante rustica, molto diffusa in Italia, al contrario della campsis grandiflora originaria della Cina, molto più delicata. La Campsis rampicante appartiene alla famiglia delle bignoniacee, ha uno sviluppo rigoroso e veloce, adattandosi facilmente ai diversi terreni e climi, anche quelli particolarmente rigidi. Durante l’inverno, se al di sotto dei 5°, si comporta come una pianta decidua perdendo le foglie che ricresceranno con la bella stagione.

Non necessita di molto sole. Ha una radice robusta con viticci dotati di ventose per aderire ai supporti come muri, cancellate e archi. Non è consigliata la coltivazione in vaso. I rami sono ricoperti da piccole foglie verdi, con frutti caratterizzati da piccoli baccelli verdi simili ai fagioli. I fiori che vanno dal rosa al rosso aranciato ricordano la forma di una trombetta. Le annaffiature devono essere regolari e frequenti. Il terreno deve essere ben drenato. Una tra le caratteristiche più interessanti di questa pianta rampicante sempreverde è la fioritura che avviene nell’ultima parte della stagione estiva e l’inizio dell’autunno. Questa particolarità dona al pergolato una fioritura lunga e vigorosa, abbinandola ad altre piante sempreverdi con fioritura primaverile.

Bignonia

Ortensia rampicante

L’ortensia appartiene alla famiglia delle Hydrangeaceae, piante perenni arbustive provenienti da Cina e Giappone. Tra le specie più coltivate in Italia, troviamo la Hydrangea seemani che è una pianta per pergolati sempreverde, dalla facile coltivazione. L’ortensia come l’edera e il gelsomino è una vera pianta rampicante in quanto si sviluppa autonomamente in altezza senza supporti e si adatta ad ambienti diversi.

Il suo carattere ornamentale la rende perfetta per decorare recinzioni, pergolati, gazebi e ingressi.  L’ortensia è una pianta rampicante molto diffusa in Europa che non richiede cure particolari, se non una certa attenzione nelle zone particolarmente fredde nei mesi invernali, cercando di tenerla riparata. L’ortensia rampicante può raggiungere i sei metri di altezza ed ha foglie di un verde intenso per tutto il corso dell’anno. La fioritura tra giugno e luglio, dura circa un mese, con fiori lacecap bianchi, ovvero infiorescenze piatte, leggermente profumati. L’Hydrangea petiolaris è invece un rampicante a foglia caduca, le cui foglie lasciano in autunno il posto ai rami spogli.

Ortensia rampicante

Clitoria Blu

La clitoria blu è una pianta rampicante sempreverde per pergolati originaria dell’Asia. La Clitoria ternatea o butterfly pea, appartiene alla famiglia delle leguminose. Con foglie verdi e fiori che, con una forma molto curiosa, sbocciano dall’estate all’autunno, con un colore blu intenso.

Necessita di molta luce per la crescita e di un clima mite, con una temperatura minima non al di sotto dei 16°. Il terreno per la messa a dimora della pianta dovrà essere morbido e ben drenato. Può facilmente essere coltivata anche in vaso, con le medesime accortezze di quelle utilizzate per la coltivazione in giardino. In entrambi i casi è necessario un sostegno in modo che la pianta possa svilupparsi in altezza. In Malesia i fiori delle clitoria blu sono utilizzati per la colorazione di tessuti, ma anche per la preparazione di piatti tipici come il riso, il the e l’aceto blu. A conferirgli questa curiosa colorazione sono i fiori fatti essiccare e utilizzati in cucina.

Clitorea blu

Clorodendro

Una delle piante rampicanti sempreverdi per pergolati è il Clorodendro o Clorodendrum, della famiglia delle verbenaceae o lamiaceae. Il genere più coltivato in Italia è il Clorodendrum trichotomum, originario del Giappone. La pianta rampicante è composta da foglie ovali, lisce nella parte superiore e con una fitta e corta peluria in quella sottostante. Se strofinate le foglie del Clorodendro emettono un gradevole profumo.

E’ molto apprezzata come pianta per pergolati da giardino, in quanto la sua lunga fioritura, che va da agosto fino ai primi freddi invernali. I fiori a grappolo sono stellati e piccoli, dal bianco al rosato. La pianta del clorodendrum predilige luoghi luminosi e soleggiati per poter dare lunghe e rigogliose fioriture. In inverno nei luoghi con le basse temperature e con venti freddi dovrà essere protetta dal gelo. Ama il terreno umido e ben drenato e richiede annaffiature regolari. In autunno sarà necessario solo mantenere il terreno leggermente umido.

Ipomea

Ipomea

L’ipomea o campanelle rampicanti, fanno parte della famiglia delle Convolvulaceae, di cui ne esistono più di 600 specie. In Italia la più diffusa e utilizzata come pianta rampicante per i pergolati è la Ipomoea purpurea o Convolvulus purpureus. E’ una pianta rampicante annuale originaria dell’America centrale e del Messico. Il suo nome deriva da due termini greci ipos e homoios, ovvero simile al lombrico, a causa del suo fusto volubile. Caratterizzata da foglie cuoriformi e fiori violacei a forma di trombetta, è comunemente chiamata anche morning glory, gloria del mattino, per la capacità dei suoi fiori di aprirsi al mattino e chiudersi alla sera. La sua fioritura va dalla primavera inoltrata, fino alla fine dell’estate. Si adatta alla coltivazione in vaso o in giardino, non teme il caldo, mentre non ama le temperature al di sotto del 13° e le correnti d’aria fredda. Per una bella fioritura deve essere posta in un luogo ben soleggiato con un terreno umido, mai troppo bagnato.

Testo di Alessandra Appiani