ALBERI PER IL GIARDINO – PYRUS (PERO DA FIORE)

Pyrus (Pero da fiore) - 1
Pyrus

Il Pyrus Calleryana Chanticleer – altrimenti noto come Pero da fiore – è un piccolo albero di origini cinesi e vietnamite, una pianta ornamentale particolarmente adatta ai giardini.

Appartiene alla famiglia delle Rosaceae e raggiunge un’altezza massima compresa tra i 5 e gli 8 metri. La sua chioma, conica o piramidale e dal profilo arrotondato, viene quasi completamente ricoperta dalla copiosa fioritura.

Caratteristiche

Le foglie del Pyrus sono ovaliformi, hanno una fibra resistente e una superficie lucida, che pare quasi “cerata“. Vestono un bel verde brillante in primavera, che vira poi sul verde-grigio, mutando ancora in rosso intenso, in prossimità del distacco.

I fiori sono bianchi – con stami dai colori vivaci – e si raggruppano in racemi – infiorescenze in cui s’inseriscono su un asse centrale, con peduncoli di pari lunghezza.

Compaiono in primavera, tra aprile e maggio, realizzando la componente cromatica principale della chioma,  paragonabile a una nuvola candida.

Ai fiori seguono i frutti, prima in verde scuro, poi bruno-dorati, piccoli e quasi sferici, che assomigliano – in scala ridotta – più alle mele che alle pere del Pyrus fruttifero di uso comune.

Collocazione e cure

Il Pyrus Calleriana è una pianta molto resistente, sia agli agenti inquinanti presenti nell’atmosfera, che alle temperature molto fredde (sotto lo zero). Può vivere, senza problemi, anche in riva al mare, in atmosfere lievemente iodate.

Predilige collocazioni in piena esposizione solare o alla mezz’ombra, purché protette dal vento e non sottoposte a lunghe nevicate. I terreni più adatti solo quelli fertili, profondi e ben drenati, anche se inclinati (ha radici in grado di limitare le frane).

Va annaffiato solo nei periodi in cui la siccità ruba l’umidità al terreno e concimato in primavera e in autunno.

Le potature, meno frequenti nella fase di maturità della pianta, sono indicate solo per rimuovere i rami rotti o danneggiati e assecondare la forma naturale.

Le immagini della cover e della galleria sono tratte dalle piattaforme free Pexels e Pixabay.