Rousham House e il suo giardino

Rousham House - © Steve Daniels CC BY-SA 2.0

Rousham House è una casa di campagna che si trova nell’Oxfordshire in Inghilterra. Costruita nel 1635 la residenza è passata di mano in mano ma rimanendo sempre ad un’unica famiglia. Venne rimaneggiata da William Kent in un particolare stile gotico libero.

I giardini sono aperti al pubblico mentre la visita alla casa può essere fatta soltanto tramite appuntamento.

La costruzione

Il maniero di Rousham venne acquistato nel 1630 da Sir Robert Dormer. Iniziò subito la costruzione della casa ma i lavori furono interrotti a causa dell’inizio della guerra civile inglese.

Alla morte di Sir Robert Dormer nel 1649 la tenta venne ereditata dal figlio, anch’esso di nome Robert. Lui riparò soltanto i danni dovuti dalla guerra e alla sua morte la passò al figlio avuto dalla seconda moglie.

Dunque, nel 1719 Rousham House ed il suo giardino passarono in mano al colonnello Robert Dormer-Cottrell e fu lui a iniziare la trasformazione dei giardini che possiamo ammirare tutt’ora.

Giardino

Per allestire i giardini chiamò Charles Bridgeman che lo rese di tipo naturalistico, uno stile che andava molto di moda all’epoca. I lavori terminarono intorno al 1737.

Però, quando la tenuta passo in mano al fratello del colonnello, il generale James Dormer volle modificare ulteriormente il giardino. Chiamò William Kent, paesaggista ma anche designer ed architetto che ebbe molto successo negli anni successivi. Il giardino venne migliorato e sviluppato.

Rousham park – ©JR P (Flickr CC BY-NC 2.0)

Differenze tra Bridgeman e Kent

I giardini, creati da Bridgeman e poi da Kent, si affacciano su una curva del fiume Cherwell. Il primo paesaggista aveva allestito il giardino con tortuose passeggiate nei boschi e laghetti di varie grandezze. Kent trasformò il paesaggio naturalistico creato da Bridgeman introducendo folie e statue dall’apparenza simile a quelle dell’Impero Romano per ricordare i fasti e l’atmosfera dell’antica Roma. Venne così ricreato un piccolo Foro Romano nella verde campagna inglese.

Le ultime modifiche a Rousham House

Quando il generale James Dormer morì nel 1741, non avendo eredi, lasciò Rousham House a suo cugino di primo grado Sir Clement Cottrell-Dormer. La casa venne abbellita con merlature e furono costruite due ali contenenti un salotto e una biblioteca tutto opera di William Kent.

Gli interni furono rimaneggiati un secolo dopo, ma la stanza principale della casa, il salone, è sopravvissuto inalterato alle modifiche delle generazioni successive, e rimane come completato nel XVII secolo.

Nel 1876 le originali vetrate ottagonali furono sostituite con innovative lastre di vetro di grandi dimensioni, durante un pesante restauro della casa da parte dell’architetto James Piers St Aubyn. La casa contiene una ricca collezione di mobili, dipinti e statue giacobine e del XVIII secolo, il tutto esposto perfettamente nell’ambiente domestico.

Rousham house and park – ©JR P (Flickr CC BY-NC 2.0)

Il giardino oggi

Oggi vediamo i giardini di William Kent e si estendono anche molto lontano rispetto Rousham House. È possibile vedere riproduzione di templi antichi, folie e numerose statue che rappresentano divinità ma anche gladiatori. Sentieri conducono attraverso il bosco dove scorrono numerosi ruscelli che scorgano sia in stagni che in piscine formali. Anche qui sono presenti numerose statue, sempre in tema mitologia e divinità romane, poste strategicamente per attirare l’attenzione. Sicuramente tra le folie più curiose c’è una grotta dotata di una piccola cascata.

Rousham park – ©JR P (Flickr CC BY-NC 2.0)

Più vicino a Rousham House c’è un giardino separato che ricorda le epoche Tudor e Stuart con le aiuole squadrate basse e bordure di rose antiche ma anche piante erbacee che ai piedi di muri dai mattoni rossi.

Nel giardino è presente anche una colombaia circolare ancora utilizzata e non poco lontano una piccola chiesa dove sono sepolte le generazioni di Cottrell-Dormers.

Rousham park – ©JR P (Flickr CC BY-NC 2.0)

Maria Giulia Parrinelli

Vi potrebbero interessare anche:

©Villegiardini. Riproduzione riservata