SaloneSatellite 2018: il design che verrà

SaloneSatellite 2018 il design che verrà

Non è davvero Salone del Mobile, senza la sua manifestazione interna dedicata ai giovani designer under 35. È il SaloneSatellite che quest’anno giunge alla sua 21° edizione, momento perfetto per dare uno sguardo al design che verrà grazie all’estro delle giovani menti dei talenti di tutto il mondo. Così, quella del 2018, si appresta a diventare un’edizione per riflettere sul futuro del progetto a partire dalle sue origini, e indagare il delicato equilibrio tra artigianato e nuove tecnologie.

Al SaloneSatellite 2018 650 giovani designer e altrettante nuove idee

Scoprire, seguire, valorizzare e offrire concrete possibilità ai giovani designer under 35 è l’obiettivo che, per primo, si è posto il SaloneSatellite. Alla vigilia della nuova edizione, che si terrà dal 17 al 22 aprile in concomitanza con il Salone del Mobile.Milano, la manifestazione riconferma questa sua vocazione e il desiderio di avviare conversazioni, riflessioni e indagini sul futuro del design.

650 saranno i protagonisti distribuiti su 2.800 metri quadri nei padiglioni 13-15 del quartiere Fiera Milano a Rho con ingresso libero al pubblico da Cargo 4.

Africa / America Latina: Rising Design – Design Emergente

Quest’anno il tema, assegnato ai talenti selezionati è “Africa / America Latina: Rising Design – Design Emergente”. Il SaloneSatellite accende, così, i riflettori sul Sud del Mondo: Africa e America Latina sono due vastissimi bacini di creatività e design. Ne nascerà un viaggio che cambierà la nostra percezione e visione della progettazione e di cui darà testimonianza una mostra curata, per l’America Latina, dai fratelli Campana, Humberto e Fernando, progettisti da tempo attivi nel recupero sociale degli emarginati, e, per l’Africa, dal designer franco-marocchino Hicham Lahlou, fondatore dell’Africa Design Award & Days, impegnato nella promozione delle nuove generazioni di creativi africani. L’intento è portare alla ribalta il design di derivazione vernacolare e segnalare cosa si propone oggi, o si potrà proporre entro breve tempo, per la soluzione delle emergenze sociali e ambientali e per un futuro abitare consapevole.

A loro volta, i giovani protagonisti del SaloneSatellite, provenienti da tutto il mondo, saranno chiamati a presentare lavori che indaghino il rapporto tra heritage e contemporaneità, progetti in bilico tra nuove tecnologie e artigianato. Un percorso tra sperimentazione, memoria, slow design, natura e forza della materia, antropomorfismo, riciclo creativo, contaminazioni e digital effect che riuscirà a stupire e a far riflettere.

Il Comitato di Selezione

Come sempre un prestigioso Comitato di Selezione, composto da personalità di rilievo internazionale nel mondo del design, della progettazione e della comunicazione – Maurizio Riva, CEO Riva1920; Roberto Minotti, CO-CEO Minotti; Gianluca Gessi, Presidente Gessi; Riccardo Bello Dias, Architetto; Stefan Scholten, Designer; Stefano Giovannoni, Designer; Porzia Bergamasco, giornalista; Suzanne Schwarz, Caporedattore Spectrooms; Luciana Cuomo, redattore DDN; Patrizia Malfatti, Responsabile Comunicazione e Ufficio Stampa Salone del Mobile.Milano – e presieduto da Marva Griffin Wilshire, Fondatore e curatore del SaloneSatellite, ha visionato le proposte di tanti designer che vanno ad affiancarsi a quelle dei designer che hanno già partecipato a edizioni passate (3 è il limite massimo di partecipazione).

 

 

Dopo la laurea in Cultura e Storia del Sistema Editoriale, mi sono specializzata in comunicazione digitale. Al momento lavoro nel settore del design per vari clienti, ma non mancano incursioni nel beauty, nel lifestyle e nei viaggi.