Terramara – dall’età del bronzo al parco archeologico

Vengono definiti Terramare i villaggi della media-tarda età del bronzo (1650 – 1170 a.C.), siti nella Pianura Padana, con una particolare concentrazione in terra di Emilia.

Dotati di fortificazioni in legno e circondate da canali, comprendevano diverse costruzioni (mix di terra e legno), appoggiate su piattaforme sopraelevate, per creare un’isolamento termico dal suolo.

In prossimità di Modena, su una superficie di più di 20.000 metri quadrati, è stato creato (e inaugurato, nel 2003) il Parco Archeologico di Montale – dal nome della località, che annovera un Museo all’aperto e un interessante percorso archeologico.

Il museo e le attività archeologiche

Nel Museo open troviamo allestimenti fisici, in scala originale, degli spazi abitativi ricostruiti dagli studiosi.

Armi, arredi, strumenti, vasi e vestiti sono copie identiche dei quelli usati dalle comunità dell’epoca e, a corredo dei nuclei-casa, possiamo trovare le piante utilizzate come materie prime e nutrimento, coltivate in via sperimentale.

In parallelo, è possibile visitare un percorso costruito su un fil rouge narrativo che racconta i ritrovamenti, la classificazione dei reperti e le ipotesi scientifiche che hanno scandito, nel corso degli anni, il lavoro degli esperti.

Attività e proposte

L’area è visitabile da singoli fruitori o gruppi organizzati. Periodicamente (soprattutto per i bambini e le scolaresche), vengono proposti laboratori esperienziali.

In quei contesti, gli utenti – piccoli e grandi – possono modellare contenitori di ceramica, cucire sacchetti di pelle, intagliare il legno, forgiare utensili o manovrare telai, usando tecniche antiche.

Ogni anno, gli operatori compilano un ricco calendario di eventi. Nel programma dei prossimi mesi troviamo, per esempio: gli Intrecci di Salici, l’Arte del Vasaio, La metallurgia del Bronzo e Trama e Ordito.

Le immagini della cover e della galleria sono tratte dal sito internet della Terramara di Montale; vi consigliamo di visitarlo per suggestioni e approfondimenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here