Gianfranco Baruchello: il sapore della vittoria

Questa è una storia di coraggio e di liberazione, un racconto esemplare di come l’amore smisurato per l’arte possa diventare il vessillo di un sogno caparbio: questa è la storia di Gianfranco Baruchello, ora raccontata in una mostra al Mart di Rovereto per festeggiarne i primi, splendidi, 96 anni.

Una storia esemplare

Nato a Livorno nel 1924, Baruchello si laurea in legge e si avvia a una brillante carriera aziendale. Ma c’è qualcosa che stona, e che presto lo convince a fuggire a Parigi, e poi da lì a New York. Se in Francia conosce l’architetto cileno Sebastian Matta e il poeta Alain Jouffroy, a Manhattan incontra Marcel Duchamp e John Cage.

È una folgorazione pura, che una volta rientrato in Europa – dove trova un clima situazionista – lo convince a dedicarsi all’arte passando per gli studi di Wittgenstein e della filosofia del linguaggio. Imposta un viaggio, quasi spietato, in direzione critica e radicale verso le strutture codificate della realtà, comprese quelle politiche e culturali. E ci riesce attraverso una pittura di accostamenti materici e soluzioni espressive atipiche in dialogo con una dimensione onirica.

Alla ricerca del grado zero

Costruisce così, o per meglio dire decostruisce, un sistema artistico fondato sulla dissezione, sull’azzeramento e sulla riduzione del linguaggio, per cercare di superare il confine del possibile e tentare di immaginare un oltre diverso.

Il percorso verso questo grado zero del linguaggio dell’arte parte da un tenue profumo di fiori: è l’installazione Piante Velenose. Pericolo! che annuncia al visitatore un clima rivoluzionario. Tra le trecento opere proposte, sovversivo è ad esempio Lo zero di Gödel, un grande dipinto bianco che poi così bianco non è: più da vicino, infatti, è possibile scorgere un affastellamento di scritte e disegni. Come a dire: la superficie va scalfita per scovare l’indicibile.

Una sfida all’autenticità: l’io fragile

È un percorso complesso e minuzioso, che sfida all’osservazione a alla riflessione, senza avere paura: d’altronde, è lo stesso Baruchello a mettersi in mostra nell’ultima opera. È Le moi fragile, un’installazione che mira all’annientamento dell’identità per mettere in discussione le convenzioni culturali: al centro di una stanza svettano un letto e una sedia vuota. E a ognuno è lasciata la possibilità di riempire il vuoto dei propri fantasmi privati.

C’è tempo fino al 16 Settembre per mettersi alla prova.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here