FASCINO ANTICO

Sul lago D’Orta una nobile dimora settecentesca è tornata all’antico splendore grazie al recupero sapiente di Enrico Ferrari Ardicini

La prima volta che ho visto l’antico casale del Settecento conservava ancora un forte fascino pur versando in un totale stato di abbandono. Quando ho ricevuto l’incarico di occuparmi della sua ristrutturazione, il mio primo pensiero è stato quello di conferire al complesso la sua originaria dignità architettonica, cercando un equilibrio con le esigenze della committenza che desiderava una casa di famiglia sobria ed elegante, in linea con la tradizione piemontese.
A livello architettonico il mio intervento è consistito nel totale recupero dell’antico corpo di fabbrica (che a inizio lavori si presentava diviso in due unità solo in apparenza separate): per prima cosa sono state eliminate le aggiunte novecentesche che ne impoverivano l’estetica formale e, successivamente, sono stati valorizzati gli elementi architettonici di
maggior pregio. Con questa finalità sono stati aperti gli archi, originariamente presenti nel perimetro, creando così ampie e luminose vetrate che inondano di luce gli interni; le finestre esistenti sono state impreziosite con cornici di granito provenienti da antiche dimore piemontesi. L’utilizzo di materiali di recupero è stato una scelta voluta e studiata e frutto di un costante confronto con la tradizione architettonica del luogo e con la forte personalità del contesto.
Tra i materiali impiegati il protagonista è il legno di larice, tradizio-nalmente usato nelle costruzioni del lago d’Orta, seguito dal cotto variegato: entrambi di recupero (provengono da cantieri locali). Da un punto di vista progettuale la nuova distribuzione interna ha riconnesso i due volumi (che in origine differenziavano gli spazi della casa da quelli della “bottega”), tramite la scala padronale che fronteggia l’ingresso e che oggi divide la zona giorno del piano terra (cucina, soggiorno, sala cinema-relax), dalla zona notte del primo piano.
La scala è in granito, materiale anch’esso della tradizione, che si ritrova nelle cornici delle finestre e nei due imponenti camini. Negli interventi che “dialogano” con il giardino come la scelta della pavimentazione esterna, realizzata in sassi di fiume, o la serra delle piante in ferro e vetro, è stata proficua la collaborazione con Marco Bay, “architetto che disegna con gli alberi”, come ama definirsi.
Il nostro “dialogo” ha contribuito a creare una perfetta armonia tra interno ed esterno, tra la dimensione domestica e quella estetica dell’abitare.



Enrico Ferrari Ardicini è nato a Milano dove vive e lavora. Architetto, designer e fotografo ha approfondito il rapporto fra cinema e architettura, utilizzando la scenografia cinematografica come campo di sperimentazione architettonica. Nel 1994 ha aperto lo “Studio di architettura e fotografia” che si occupa di progettazione di interni, allestimenti e fotografia. Ha realizzato molti progetti di ristrutturazione e restauro e ha progettato molte boutique di Giorgio Armani all’estero. Enrico ha sviluppato una linea di mobili e oggetti di arredamento e, dal 2000, dirige e produce i propri video. studioferrariardicini.it