Sul Lago di Como, tra arte e natura. Riapre Villa Carlotta

Museo di Villa Carlotta, Sala Napoleonica

Oltre trecento anni di grande collezionismo connotano la storia di Villa Carlotta, dove l’arte dialoga con la natura in un contesto paesaggistico di grande fascino. Affacciata sulle rive del Lago di Como, a Tremezzina, la Villa ospita un grande collezione di opere d’arte, firmate da alcuni tra i maggiori artisti dell’800: Antonio Canova, Berthel Thorvaldsen e Francesco Hayez

Villa Carlotta, Museo. Sala Palamede

Dopo un periodo di chiusura forzata, a causa dell’emergenza Covid 19, Villa Carlotta riapre i suoi cancelli ai visitatori.
La data fissata per questo avvio di stagione è il prossimo venerdì 22 maggio e da quel giorno saranno visitabili sia il parco botanico, con le sue spettacolari fioriture, sia gran parte della casa museo.

Riapre Villa Carlotta, le modalità di visita

Al loro arrivo, i visitatori troveranno una nuova e modernissima area di accoglienza, uno spazio molto ampio a garanzia di ulteriore distanziamento e sicurezza, con tornelli che serviranno al monitoraggio delle entrate e saranno in grado di fornire in tempo reale le informazioni sulla quantità di persone già presenti all’interno della struttura. 

E’ stata prevista una postazione di rilevamento della temperatura corporea, procedura obbligatoria e imprescindibile in questo momento, e una “fast track” riservata a tutti coloro che avranno acquistato i biglietti online, procedura consigliata per arrivare al momento giusto ed evitare code e assembramenti all’ingresso.

Villa Carlotta, Tunnel degli agrumi

Per quanto riguarda la visita vera e propria, sono stati predisposti tre percorsi a senso unico, differenziati per durata, che vanno dai 20 ai 90 minuti e tengono conto di eventuali difficoltà motorie dei visitatori garantendo loro la più ampia accessibilità.

L’Ente Villa Carlotta ha attuato tutte le misure richieste dai diversi decreti ministeriali e regionali, quindi l’apertura avverrà nel pieno rispetto delle norme e in grande serenità.

L’intento è quello di mettere a disposizione un giardino per chi non ce l’ha, soprattutto dopo un così lungo e innaturale periodo di isolamento domiciliare che ha costretto intere famiglie a rinunciare anche alle più semplici passeggiate all’aria aperta.

A lato però di tutti gli obblighi e le limitazioni imposti da questo momento particolare, Villa Carlotta ha continuato a pensare e agire in modo propositivo. Pper quanto riguarda il parco, sono stati piantati nuovi alberi, alcuni dei quali sono parte del progetto “Adotta una pianta, salva la Bellezza”, la campagna di fundraising lanciata la settimana scorsa su media tradizionali e web.

Villa Carlotta, fioriture

Molti eventi che prevedevano aggregazione sono stati naturalmente sospesi ma è in corso l’organizzazione di alcuni live streaming per i concerti estivi e per la consegna del Premio Foglia d’Oro

Villa Carlotta, Orto Botanico