La piccola Venezia di Bologna

La piccola Venezia di Bologna
Ph. blog.weplaya.it

Può Bologna sembrare Venezia? Certo! Anzi, un tempo (che non è molto) lo era a tutti gli effetti. Di quella bellezza lagunare poco è rimasto, ma ciò che si è salvato dalle numerose colate di cemento dell’ultimo secolo è noto come Piccola Venezia, un’attrazione turistica ammirabile attraverso una minuscola finestrella.

La Bologna che fu

È un dettaglio dimenticato dai più, ma la storia di Bologna è una storia fatta di commerci navali. Nel XIII secolo aveva ben cinque porti e fra chiuse, mulini e opifici avrebbe potuto vivere ancora a lungo di grano, lana e seta. Sui suoi canali si navigava e, da Ferrara, raggiunta remando sul Navile, si arrivava prima sul Po e poi al mare.

Oggi di questa città del passato è rimasto ben poco: la cementificazione del secondo dopoguerra ha salvato soltanto uno scorcio che oggi è una tappa irrinunciabile. Per ammirarla occorre raggiungere via Piella e da qui, una finestrella, mostra uno dei tanti canali che un tempo costellavano la città. Questa Piccola Venezia è il Canale di Reno, piccolo e circondato da abitazioni che danno l’impressione di essere nella città lagunare per eccellenza.

La piccola Venezia di Bologna
Ph. blog.weplaya.it

Piccola Venezia da scoprire scendendo sottoterra

In questa Piccola Venenzia lo scorrere lento dell’acqua riporta i passanti indietro nel tempo, in un’Italia decisamente meno frenetica e a una realtà oggi dimenticata. Ma niente paura, di scorci del genere ve ne sono altri: in via Capo di Lucca, in via della Grada, dietro piazzetta della Pioggia. Ma la maggior parte dei torrenti resta raggiungibile solo scendendo sottoterra – grazie a botole nascoste da cui partono numerosi tour turistici.

Dopo la laurea in Cultura e Storia del Sistema Editoriale, mi sono specializzata in comunicazione digitale. Al momento lavoro nel settore del design per vari clienti, ma non mancano incursioni nel beauty, nel lifestyle e nei viaggi.