Il design italiano corre online con Design Italy

Cresce il flusso degli acquisti in rete dall’America all’Asia e si delineano i trend globali dell’interior. 

Il design italiano non hai mai smesso di viaggiare e di crescere. Anche negli anni recenti, dove crisi economiche e pandemiche hanno messo in ginocchio tanti settori, le congiunture negative sembrano avere risparmiato il settore, che anche dal punto di vista creativo è stato chiamato in prima linea per cercare soluzioni al nostro benessere. Al design in particolare è stato affidato il compito di trasformare le nostre case in uffici, di creare sistemi di distanziamento pratici e sicuri, di inventare una nuova idea di vita indoor e outdoor. E i numeri del comparto confermano questa crescita felice nell’ultimo anno in Italia. Un successo che dipende anche dalle nuove strategie di vendita, che si sono trasferite in modo importante sull’online, digitalizzando il settore e allargando così la rete di vendita.

A capire con tempismo e lungimiranza le potenzialità del Design Italiano sull’online è stato Roberto Ferrari, ex direttore generale di CheBanca!,  che nel 2019 ha fondato la startup www.designitaly.com, una piattaforma per portare le piccole realtà manifatturiere su nuovi mercati, fornendo loro sostegno tecnologico, logistico e di marketing.

Il marketplace specializzato nel design italiano contemporaneo, partito commercialmente a fine 2020, ha saputo sfruttare i due anni di pandemia in modo sapiente, restando fedele alla “ricetta” originaria basata sui tre “ingredienti”: incrementare la presenza della piattaforma digitale sui mercati esteri; selezionare nuovi prodotti e brand da inserire a catalogo; fornire un customer care di alto livello, giungendo a essere l’e-commerce italiano di design con il rating di customer feedback più alto, dando quindi un supporto concreto a tutto il design Made in Italy.

Zoe di Loredana Giulioli

In pochissimo tempo, ha raggiunto un tale livello di qualità da cominciare ad attrarre a sé anche le grandi firme del design italiano, che oggi vendono i propri prodotti online usufruendo dei servizi offerti dal marketplace. Designer indipendenti e celebri brand del Made in Italy “convivono”, dando vita al catalogo di Design Italy che oggi conta già oltre 12 mila oggetti selezionati di oltre 140 aziende italiane.

In questo marketplace si cercano e si trovano le collezioni da sogno di Zanotta, Arflex, Fontana Arte, Driade, Baleri, Cassina, ma anche arazzi, borse in cuoio o gioielli di designer indipendenti realizzati in pochi pezzi a tirature limitate.

Si tratta quindi di un osservatorio molto ampio in grado di registrare quello che gli utenti di tutto il mondo, circa 140 paesi (in modo particolare Usa, Australia, Cile e Asia, dove Design Italy è particolarmente apprezzato con un export che arriva oltre l’85%) vogliono e si aspettano quando si parla di Made in Italy.

Le tendenze d’arredo e gli oggetti più ricercati

Come un’onda il design riflette e raccoglie i cambiamenti e i bisogni della società a livello globale. La semplicità e il comfort rientrano sicuramente tra i primi in elenco. Una necessità che si traduce nella ricerca di oggetti non troppo appariscenti ma confortevoli. A partire dal colore. Molti degli arredi più ricercati quest’anno hanno i colori avvolgenti e rilassanti della terra: ocra, crema, beige, grigio, in una infinità di varianti delicate.  Sono i colori d’elezione per gli ambienti intimi della casa, a cominciare dalla camera da letto, che dimostrano però di adattarsi benissimo a tutti i suoi spazi: living, terrazzo, bagno compreso.

Poltroncina Quiete di Dale Italia
Tower Madia di Mogg Design

 

 

 

 

 

Toni polverosi e materiali naturali connotano ad esempio la poltroncina Quiete di Dale Italia, dove il legno si curva dolcemente per accogliere morbidi cuscini. Le sedute sono ampie e accoglienti, come il maxi divano rotante Bordone di My Home Design, in un avvolgente grigio perla. Queste sfumature neutre si prestano a uno stile contemporaneo e lasciano spazio alla personalizzazione degli ambienti come i mobili colonna Tower Madia di Mogg Design, strutture minimali che si mimetizzano e si integrano nell’architettura della casa.

La voglia di stare all’aperto, di cercare il contatto con la natura, ha rafforzato il desiderio di arredare ogni piccolo spazio esterno delle case, rendendo terrazzi e balconi confortevoli come salotti. Nell’outdoor trionfano le forme arrotondate come la sedia Capri di Medaarch, e i piccoli arredi accoglienti e simpatici come i Pouf luminosi Lounge Cube di Serralunga, o la poltrona Flip di Giacopini, che ricorda i dondoli dei bambini.

La cultura della sostenibilità avanza nel mondo del design. Chi compra ormai è pienamente cosciente dell’impatto delle sue azioni e valuta positivamente l’impegno delle aziende in questo ambito. Importanti brand hanno abbracciato con serietà il percorso di rispetto dell’ambiente, proponendo una visione consapevole dell’abitare, con arredi e decori realizzati interamente con materiali riciclati e ottimizzando i processi produttivi.

Ecodesign Collection di Lessmore

Loredana Giulioli, designer e tessitrice, propone le sue opere, maschere e tele ricamate, prodotte con tessuti recuperati. La seduta Russel di Vico Magistretti per Serralunga è realizzata in plastica a stampaggio rotazionale ed è riciclabile al 100%. Dygodesign, giovane brand della Toscana ha presentato una collezione di vasi prodotti con stampa 3D in PLA, derivato dal mais. Anche le lampade a sospensione Hightlight di Highsocietystudio arrivano dai sottoprodotti della vite, del tabacco e della canapa, elementi vegetali di cui conservano le intense sfumature, mentre l’architetto Giorgio Caporaso propone la sua Ecodesign Collection, per Lessmore, con protagonista il cartone che dà vita a mobili modulabili, personalizzabili, durevoli e soprattutto completamente riciclabili.

Art de la Table d iMissoni

Gli utenti mostrano di apprezzare anche il “matrimonio” in atto tra il mondo della moda e quello dell’arredamento. Le firme del fashion system allacciano sempre più spesso partnership con aziende del settore, massimizzando il cross-selling e contaminando i mercati. Una strategia che gli acquirenti online ben accolgono, come il trionfo dei saperi “made in Italy”.  Missoni ha lanciato la serie Art de la Table, una collezione di ceramiche decorate con il caratteristico e inconfondibile motivo a zig-zag della maison, declinato in bianco e nero. Casa Marras propone la collezione di ceramiche Fratelli Pois, decorata con disegni di Antonio Marras e realizzata con la tecnica della decalcomania.

Anche in questo periodo pre natalizio su Design Italy molti utenti approfittano per acquistare oggetti per decorare la casa e scegliere i regali giusti comodamente dal divano.

Stile di Mepra
Gaetano Pesce Big Collina extra Colour per Fish design

Dalle posate di grande design come le Stile di Mepra, agli alberi di Natale di Inventoom Arbor e Arbor Charta realizzati in legno e cartone.  Facili da montare e smontare, estremamente resistenti, questi alberi hanno il vantaggio di poter essere riutilizzati a lungo e di essere personalizzabili con luci e decorazioni diversi ogni anno.  Anche Lessmore  propone vari alberi in cartone realizzati in diversi formati sia da decorare sia con fantasie e motivi natalizi, tartan e tinta unita. Per portare in casa un tocco di rosso, il colore più natalizio che ci sia, si può scegliere la bella ciotola di Gaetano Pesce Big Collina extra Colour per Fish design, la lampada Cobra di Martinelli, nella sua versione lucida e fiammante.

Cambiano Dante di Pininfarina

Mette allegria e fa sorridere il pouf a forma di mela Tatoo Snow White di Maurizio Galante & Tal Lancman, in poliuretano flessibile ed ecologico, mentre per i regali sono  perfetti l’intramontabile Timor di Enzo Mari, il calendario perpetuo disegnato per Dainese nel 1967 o le penne come la Cambiano Dante di Pininfarina, stilo con supporto da tavolo in legno massello, creato per celebrare il 700° anniversario di Dante Alighieri a quelle dal design fortemente contemporaneo come la Pen Neri Wood by Giulio Iacchetti la cui punta si regola attraverso una piccola vite, e Aero di Pininfarina, stilo tecnologica con supporto da tavolo in cemento grezzo.