Estúdio Campana e la power station of DESIGN (psD) alla Power Station of Art (PSA) presentano “Impermanence – 40 Anni di Estúdio Campana” dall’8 giugno all’8 settembre 2024 a Shanghai, Cina. Fondata nel 1984 dal duo di designer brasiliani Humberto Campana (nato nel 1953) e Fernando Campana (1961-2022), “Impermanence” segna la prima grande mostra in Asia dello studio con sede a São Paulo. Co-curata da Marco Sammicheli, Curatore per Design, Moda, Artigianato e Direttore del Museo del Design Italiano alla Triennale di Milano, e Gong Yan, Direttore della PSA; con la scenografia progettata dal co-fondatore dello studio Humberto Campana; e il design grafico di Maru Widen, la mostra si concentrerà sulla produzione culturale dello studio attraverso la proposta di oggetti, progetti, disegni e opere che riassumono al meglio la storia, le traiettorie e le intuizioni della pratica.

La mostra presenterà oltre cinquanta pezzi pionieristici che rappresentano e tracciano la storia dei pensieri e delle azioni che hanno prefigurato con largo anticipo eventi artistici, soluzioni di design e riflessioni urgenti sulla convivenza tra esseri umani e natura. Con l’arduo compito di introdurre quattro decenni di produzione dello studio al pubblico cinese, un Cabinet of Curiosities accoglierà i visitatori nell’universo di riferimenti dei Campana, dall’infanzia all’inizio delle carriere dei fratelli, includendo oggetti personali mai esposti prima, disegni originali e prototipi. Per la sala espositiva principale, la curatela ha creato tre approcci tematici: un atto manuale, che coinvolge la conoscenza artigianale, la manifattura e l’indagine sui materiali; un atto espressivo, che sviluppa un pensiero intimo e lo rende collettivo trasformando generi, tipi e tecniche, dignificando la materia ibrida e organica; e un atto politico, che costruisce comunità, trasmette conoscenze e rigenera un territorio.

Per annidare la visione dei curatori, Humberto Campana ha progettato una struttura affascinante di stalattiti e stalagmiti artificiali, un riferimento all’”Allegoria della caverna” di Platone, dove i visitatori possono vagare liberamente e scoprire le opere, mentre si materializzano da dietro le colonne di forma organica, come in un gioco di nascondino. “Volevo combinare il lavoro dei curatori con un’esperienza infantile, che per me è il modo più accurato di spiegare come mio fratello e io abbiamo tracciato la nostra vita: facendo passi in territori oscuri e sconosciuti, illuminando le nostre esplorazioni e scoperte. L’allegoria classica di Platone è qualcosa a cui tutti possiamo relazionarci, a qualsiasi età o provenienza. Mi piace pensare che tutti nasciamo curiosi, e questa scenografia è un invito ad abbracciare lo straniamento, ad allontanarsi dalla propria zona di comfort e ad essere ricompensati dal coraggio di lasciare libera l’immaginazione in una ricerca avventurosa di gioia.” dice Humberto Campana.

“Il lavoro dei fratelli Campana ha trasformato il design contemporaneo. Sono stati i primi a intuire la ricchezza dell’ibridazione della creatività, dando dignità agli scarti, ai rifiuti e ai materiali meno nobili affinché gli oggetti potessero ritrarre e testimoniare desideri: l’etica del riciclo, la dignità del lavoro artigianale, l’estetica dimenticata del Brasile rurale e indigeno, la follia dei colori e delle forme nel paesaggio domestico, l’ibridazione tra sistemi di produzione e consapevolezza ecologica. In una carriera di quarant’anni, Estúdio Campana ha dimostrato la possibilità di collegare decorazione e messaggio politico, funzione e finzione, cultura e natura.” Marco Sammicheli. “Le creazioni dei fratelli Campana nascono dal loro ottimistico abbraccio e dall’immaginazione della vita. Il loro uso unico di materiali e artigianato conferisce ai loro design una qualità di tattilità fisica che trascende la mera funzionalità, incarnando sia un’estensione che una celebrazione della vita stessa. Questa mostra spera anche di avviare una serie di discussioni su design, materiali, tradizioni e preoccupazioni sociali.” Gong Yan. Due sale di proiezione completeranno l’esperienza con una collezione di video di artisti, inclusa “We The Others”, una nuova produzione di Francesca Molteni e Maria Cristina Didero presentata lo scorso aprile alla Triennale di Milano durante la Design Week. Saranno inoltre mostrati filmati d’archivio, incluse produzioni di balletto contemporaneo e speciali televisivi, come la storia della “Vermelha”, la sedia rivoluzionaria creata nel 1993 che è diventata il pezzo più riconosciuto e venduto di Humberto e Fernando.

Parallelamente, Estúdio Campana è stato incaricato di produrre due nuove opere: un’installazione per l’atrio del museo, intitolata “Astro”, una scultura appesa in tulle alta 12 metri ispirata alle immagini generate dal Telescopio Spaziale Hubble; e un’altra installazione per inaugurare l’unico “Sky Garden” della PSA in collaborazione con il designer di giardini cinese Yuan Zheng. “Pyro” è un insieme sovradimensionato di strutture in bambù e acciaio che ricordano esplosioni stellari e punteggeranno l’area che domina lo skyline di Shanghai, completamente integrate con il grazioso design del paesaggio. Il tetto di 2000 m² sarà inaugurato insieme all’apertura di “Impermanence”. “Sono onorato di avere l’opportunità di progettare questa installazione per la città di Shanghai. Volevo offrire uno spazio per la celebrazione e la gioia con sculture che somigliano a fuochi d’artificio, con lo splendido skyline come sfondo. È un omaggio alla natura e all’architettura come elementi integranti del nostro futuro su questo pianeta.” Humberto Campana

“In un paesaggio urbano definito dagli skyline, la natura spesso si trova relegata a un ruolo periferico, o addirittura completamente oscurata. Mentre l’innocenza della fioritura erbacea può rischiare di essere solo accessoria, il paesaggio è costruito nel tentativo di evocare un senso di stupore e memoria collettiva creando immagini di scene primordiali – cime montuose, tundre, isole e erosione glaciale. Allo stesso modo, le creazioni degli artisti raggiungono un certo senso di ‘arrivo’ attraverso l’integrazione di materiali grezzi naturali con quelli astratti sconosciuti, nonché un’atmosfera di conflitti emotivi.” Yuan Zheng. “Un giardino in un museo, che esibisce le tracce della convivenza tra esseri umani e natura, è una bioregione, un’isola dove specie diverse imparano l’una dall’altra attraverso un consenso condiviso. Ogni anno, inviteremo artisti, designer e architetti diversi a coltivare questa isola, che è stata modellata nel corso degli anni da forze umane e naturali. Tra lo scambio di acqua e suolo e il ritmo delle stagioni che cambiano, si rivela il potere della vita. Nella loro città natale di Brotas, i fratelli Campana hanno costruito per il pubblico un grande parco con 12 padiglioni che va oltre il concetto tradizionale di parco per diventare un centro educativo orientato al futuro per discussioni sul ritorno della natura a se stessa e sulla riconquista della spiritualità da parte degli esseri umani. Questo giardino a Shanghai, o il 13° padiglione, rispecchia lo spirito di quelli di Brotas. Il bambù, una pianta nativa sia del Brasile che della Cina, forma strutture aggraziate e linee che si intrecciano come fiori cerimoniali su rocce vulcaniche.” Gong Yan

About Estúdio Campana

Co-fondato nel 1984 dai fratelli Fernando (1961-2022) e Humberto (1953) Campana, lo studio Campana ha ottenuto riconoscimenti internazionali per il suo design di mobili e pezzi intriganti. Nel 2024, lo studio celebra il suo 40º anniversario, riconosciuto come pioniere del design dirompente, che ha portato alla creazione di un linguaggio innovativo nel loro campo. Profondamente radicato nella cultura e nelle tradizioni brasiliane, il loro lavoro incorpora valori universali come la libertà e la dignità umana, creando la propria identità attraverso esperienze di vita. Incorporando l’idea di trasformazione e reinvenzione, il loro processo creativo eleva i materiali quotidiani a nobiltà. Le caratteristiche brasiliane, come l’abbondanza di colori, le miscele e il caos creativo, portano al trionfo di soluzioni semplici, poeticamente. Con sede a São Paulo, Campana è costantemente alla ricerca di nuove possibilità nel Design: dalla produzione di mobili all’architettura, paesaggistica, moda, scenografia e altro ancora.

Collegare discipline e incoraggiare lo scambio di competenze tra comunità e artisti sono fonti vitali di ispirazione, nuovo repertorio e pensiero libero. Lavorare con molteplici marchi e industrie consente loro di combinare il meglio dell’artigianato, pratiche di produzione sostenibili e tecnologie all’avanguardia. Nel 2002, Campana ha iniziato a creare la propria linea di edizioni limitate e pezzi unici, realizzati a mano nello studio di San Paolo. Queste edizioni speciali sono rappresentate da gallerie internazionali, tra cui Friedman Benda a New York, Carpenters Workshop Gallery a Londra e San Francisco, Galleria Giustini/Stagetti a Roma e Firma Casa a San Paolo, nonché Luciana Brito Galeria, che ha iniziato a rappresentare Campana in Brasile nel 2022. I pezzi di Campana fanno parte delle collezioni permanenti di rinomate istituzioni culturali come il Centre Pompidou e il Musée des Arts Décoratifs, Parigi, MoMA, New York, Museum of Modern Art di San Paolo e Vitra Design Museum, Weil am Rhein. I fratelli Campana sono attualmente elencati tra gli architetti iconici del mondo secondo Interni (2018).

Nel 2015 e nel 2014 Wallpaper li ha classificati rispettivamente tra i 100 più importanti e i 200 più grandi professionisti del design. Nel 2013, sono stati inseriti dalla rivista Forbes tra le 100 personalità brasiliane più influenti. Nel 2009, è stato fondato l’Istituto Campana per preservare la loro collezione in continua crescita per le future generazioni e per promuovere il design come strumento di trasformazione sociale attraverso programmi culturali ed educativi. Nel 2022, Humberto Campana ha ricevuto il titolo di Dottore Honoris Causa dall’University of the Arts London, Regno Unito, e dall’Università di Córdoba, Argentina, per il suo eccezionale contributo alle industrie creative. Nel 2012, Fernando e Humberto Campana hanno ricevuto il Colbert Committee Award a Parigi; onorati dalla Design Week di Pechino; hanno ricevuto l’Ordine al Merito Culturale a Brasilia e sono stati premiati con l’Ordine delle Arti e delle Lettere dal Ministero della Cultura francese, eletti Designers of the Year da Maison&Objet di Parigi. Nel 2008, hanno ricevuto il premio Designer of the Year di Design/Miami. Purtroppo, il 16 novembre 2022, Fernando Campana è deceduto all’età di 61 anni. Determinato a onorare l’eredità del fratello e i progetti che hanno tracciato insieme, Humberto Campana rimane fermamente impegnato a continuare con i piani futuri per l’espansione delle attività dell’Istituto Campana e dello Estúdio Campana. Nelle sue parole: “La mia relazione con Fernando è sempre stata e continua ad essere trascendentale, su un altro livello. La nostra connessione dal momento della sua nascita fino alla sua partenza rafforza solo che la sua presenza fisica è stata solo un breve incontro di anime su questo pianeta, ed è mia missione continuare a raccontare le nostre storie e proporre nuovi modi di vivere la vita.”

Informazioni sui Curatori

Marco Sammicheli (Fano, 1979) è curatore del settore Design, Moda e Artigianato alla Triennale Milano e Sovrintendente del Museo del Design Italiano dal 2020. Ha inoltre lavorato come Chief Officer delle Relazioni Internazionali alla Triennale Milano, dove supervisiona il programma di Mostre Internazionali in collaborazione con il Bureau International des Expositions (BIE) e il Ministero degli Affari Esteri italiano. Ha curato mostre in Europa e America Latina e scritto saggi per cataloghi di istituzioni culturali, musei e gallerie private, con particolare attenzione a designer come Zaha Hadid, Bruno Munari, Carlo Mollino, Ettore Sottsass, Alberto Meda, Mario Bellini, Inga Sempé. È professore a contratto all’Università Cattolica di Milano e editorialista per Il Sole 24 Ore e Wallpaper*. Gong Yan ha curato mostre come: “Ordinary Architecture—The Chinese Pavilion” alla 11ª Biennale di Architettura di Venezia; “Shinohara Kazuo”; “Mobile Architecture: Yona Friedman”; “Snacks”; “PSA Collection Series Yu Youhan”; “PSA Collection Series Li Shan”; “Body Media”; “HON: Niki de Saint Phalle & Shen Yuan”, “Hussein Chalayan: Archipelago”, ecc.

Informazioni sulla Power Station of Art

Fondata il 1° ottobre 2012, la Power Station of Art (PSA) è il primo museo statale di arte contemporanea nella Cina continentale. È anche sede della Biennale di Shanghai. Ristrutturata dall’ex centrale elettrica di Nanshi, la PSA è stata il Padiglione del Futuro durante l’Expo Mondiale di Shanghai del 2010. Testimone della trasformazione di Shanghai dall’era industriale all’era dell’informazione, il museo ha fornito ricca ispirazione per gli artisti con le sue caratteristiche architettoniche grezze. Come hub centrale per la fiorente cultura urbana di Shanghai, la PSA è impegnata nell’innovazione e nel progresso come chiavi per la sua vitalità a lungo termine. Il museo mira a fornire un’interfaccia per il pubblico per entrare in contatto e apprezzare l’arte contemporanea, abbattere la barriera tra vita e arte e promuovere la cooperazione e la produzione di conoscenza attraverso diversi campi delle arti e della cultura.

Potrebbe interessare anche: