Affacciata sul Golfo dei Poeti

DCIM100MEDIADJI_0483.JPG

Affacciata all’imbocco Golfo dei Poeti, che da Porto Venere giunge fino a Lerici, Villa dell’Angelo è una tra le più affascinanti dimore storiche della Riviera di Levante. La casa deve il suo nome al coloratissimo mosaico di ceramica che raffigura un angelo e adorna la sobria facciata in mattoncini rossi a vista, con cornici in candido marmo bianco.

Siamo a Bocca di Magra, tra Liguria e Toscana, sotto le Alpi Apuane. Immersi in un paesaggio incantevole, in cui si susseguono borghi caratteristici, chiese e castelli medievali sul mare, spiagge esclusive e case dai tipici color pastello. Una terra amata e descritta da artisti e poeti, fonte d’ispirazione e meta di turisti provenienti da ogni parte del mondo. Perdipiù a poca distanza da altre mete rinomate, come le Cinque Terre.  

Ospiti illustri 

Voluta da Bernardo Fabbricotti, esponente di una famiglia con vasto possedimento di cave di marmo e una rete commerciale che da Livorno si è estesa fino a Londra e a New York, la villa può vantare molti ospiti illustri. 

Il belvedere panoramico sopra la torretta. Un punto di vista panoramico che affaccia sul Golfo dei poeti. Di grande pregio le colonne in marmo con capitello classico e le decorazioni con mosaico di ispirazione floreale.

Tra i quali spicca la zarina di Russia, ospite del figlio Carlo Alberto, diplomatico presso l’Ambasciata Italiana di San Pietroburgo. Cosa che di certo non stupisce, sia per le bellezze paesaggistiche del Golfo dei Poeti che circondano la villa, sia per la pregevolezza dell’architettura e dei giardini che la circondano.

Un giardino a picco sul Golfo dei Poeti

La villa, progettata in uno stile eclettico che armonizza  neoromantico, suggestioni rinascimentali e Liberty, sorge infatti in uno splendido parco di oltre due ettari. Una vasta area verde con alberi secolari, perfettamente integrata con i pendii delle colline affacciate sul fiume Magra. Il grande fascino naturalistico di questo giardino è arricchito da pregevoli architetture. Come la loggia con reperti marmorei che ospita una copia in bronzo della famosa Fontana del Porcellino di Pietro Tacca, uno dei monumenti più popolari di Firenze. Ma anche la bella limonaia, completamente vetrata, nella quale durante la stagione invernale vengono sistemati i vasi con le piante più sensibili al freddo.
Un belvedere a picco sull’imbocco del Golfo dei Poeti, con prato verde e pergola in rame di ispirazione Nouveau offre inoltre un pratico spazio conviviale. Da godere immersi in un paesaggio tra i più ambiti dai turisti di tutto il mondo. 

Le raffinate scenografie degli interni 

Gli interni sono un susseguirsi di ambientazioni scenografiche con scalinate in marmo,  inserti scultorei, vetrate decorate. Tra le quali non passa inosservato il lucernario realizzato dai fratelli Chini di Firenze, maestri del Liberty


E poi la torretta, uno spettacolare terrazzo panoramico con colonne a capitello in marmo e tetto a mosaico turchino. Un punto panoramico di rara bellezza, che offre una vista unica sul golfo di Marina di Carrara e sulle cave nelle Alpi Apuane, finemente decorato anche all’interno con un elegante mosaico a motivo floreale.  

 

Per ulteriori informazioni: coldwellbankerluxury.it