Come coltivare l’abutilon in giardino o indoor

Le specie del genere Abutilon possiedono un fascino esotico grazie alle interessanti fioriture dalla consistenza coriacea e alle foglie palmate.

Possono venire confuse con gli aceri a causa del fogliame molto simile ma non sono in nessun modo imparentate, mentre le specie più vicine all’Abutilon sono la malva e l’ibisco come ben si evince dall’aspetto del fiore. Per questi motivi, in diverse parti del mondo, vengono usati alcuni nomi comuni come acero fiorito o malva indiana.

Abitualmente possono essere trovate in piena terra ma sono state selezionate cultivar che si adattano perfettamente alla vita in vaso come piante d’appartamento.

Origine e nomenclatura

Il genere Abutilon fa parte della famiglia delle Malvaceae e conta circa 100 specie proveniente dalle zone tropicali e sub tropicale di America, Africa, Asia e Australia. Si è naturalizzato in moltissime parti del mondo ed in Italia alcune specie sono infestanti a causa dell’ingente quantità di semi prodotti.

Il nome è di origine araba e deriva dalla traduzione nel XVIII secolo estrapolata dal trattato “Il canone della medicina” scritto da Avicenna, medico e studioso islamico vissuto intorno all’anno 1000.

Pianta

Gli abutilon sono piccoli arbusti eretti con rami che si piegano sotto il peso dei fiori. Le foglie sono palmate con tre o cinque lobi di colore verde intenso o finemente variegato.

Se coltivati in piena terra possono raggiungere anche i 3 metri in altezza e in larghezza mentre, se mantenuti in vaso, presentano un accrescimento molto ridotto.

Il frutto è uno schizocarpo che giunto a maturazione si divide in diversi mericarpi disposti a raggera che contengono uno o più semi.

Due frutti, uno maturo dove si intravedono i semi l’altro ancora acerbo. Si tratta di schizocarpi che una volta giunti a maturazione si dividono in diversi mericarpi disposti a raggera.

Fiore

La forma ed il colore dei fiori sono molto vari, possono essere aperti o dalla graziosa forma a campana oppure tubolari e la loro colorazione va dal bianco, al rosso, al salmone ma possono presentarsi anche variegati. Queste piante possono fiorire continuamente se ricevono molta illuminazione e alte temperature.

Specie e cultivar

Le specie di questo genere sono numerose e la più diffusa è sicuramente Abutilon x hybridum per la sua lunga fioritura e la resistenza a climi freddi. Da questa pianta sono state selezionate molteplici cultivar. Abutilon ‘Nabob’ presenta fiori rosso scuri, Abutilon ‘Tiger Eye’ affascinanti fiori a campana gialli dalle striature rosse e con le foglie dai lobi molto pronunciati mentre Abutilon ‘Savitzii’ è caratterizzata da deliziose foglie variegate.

Abutilon ‘Tiger Eye’

Nota in Italia con il nome di “cencio molle”, la specie Abutilon theophrasti porta fiori molto aperti dai petali corti di colore giallo mentre le foglie sono cuoriformi. Si è naturalizzata in tutta l’Europa mediterranea diventando una infestante delle colture primaverili estive soprattutto del mais.

Abutilon megapotamicum, chiamata anche Callianthe megapotamica, è una specie caratterizzata da particolarissime fioriture bicolori. I petali di colore giallo sono molto allungati mentre i sepali che si trovano alla base sono rossi. Grazie a questa particolare conformazione viene spesso chiamata lanterna cinese.

Abutilon megapotamicum

Coltivazione

Terreno

Queste piante non hanno particolari necessità per quanto riguarda il terreno anche se è preferibile non scegliere un terreno acido.

Esposizione

Se coltivati indoor gli abutilon crescono bene in pieno sole e sarà perfetto mettere i vasi davanti una finestra esposta ad est. Se invece vengono tenuti all’aperto, sia in vaso o in piena terra, dovranno essere protetti dal sole diretto soprattutto nelle ore pomeridiane.

In caso di scarsa illuminazione la pianta ed il fogliame continueranno a crescere ma la fioritura diminuirà drasticamente.

Fiore illuminato dal sole

Umidità

Non sono piante che necessitano di molte innaffiature. Durante il periodo estivo, sarà opportuno irrigare quando i primi centimetri del terreno risulteranno asciutti in quantità tale che l’acqua fuoriesca dai fori di drenaggio.

In inverno è necessario ridurre l’apporto idrico ad una volta al mese.

Temperatura

Gli abutilon trovano le loro condizioni migliori a temperature di circa 10 °C e sono perciò perfetti per davanzali freschi e luminosi. Se coltivati all’aperto, in caso di inverni particolarmente freddi, dovranno essere predisposte delle protezioni alla pianta.

Potature

Per incoraggiare una crescita cespugliosa può essere potata fino al 40% della vegetazione poco prima della stagione di crescita attiva. Dato che gli abutilon fioriscono sul legno nuovo una potatura regolare incoraggia una fioritura continua e può fornire anche materiale di propagazione.

Concimazioni

È possibile concimare ogni 15 giorni durante la stagione di crescita con un fertilizzante adatto per piante da fiore.

Arbusto di Abutilon

Rinvasi

L’Abutilon è una pianta a crescita rapida, soprattutto nel periodo giovanile, di conseguenza, potrebbe presentare l’esigenza di un doppio rinvaso in un anno, all’inizio della stagione di crescita ed a metà. Piante mature, invece, apprezzano l’essere costrette in vaso e quindi necessiteranno rinvasi ogni due anni.

Parassiti e malattie

Questa pianta è suscettibile a parassiti come acari, aleurodidi e cocciniglie mentre per quanto riguarda le patologie fungine vengono colpiti da marciume radicale, ruggine ed alternaria. Queste fitopatie possono essere prevenute fornendo un buon ricircolo dell’aria e mantenendo le foglie asciutte.

Propagazione

Gli abutilon si propagano facilmente per talea di ramo. Possono essere usati gli scarti di potatura che successivamente verranno piantati in vasi posti in stanze calde e luminose. Per aumentare le probabilità di successo è possibile usare un ormone radicante.

 

Maria Giulia Parrinelli