Vini italiani DOC: il Barbaresco

vite Nebbiolo per vino Barbaresco
uve di Nebbiolo per vinificazione in Barbaresco

Barbaresco – il rosso piemontese elegante e armonico

Il Barbaresco è un vino rosso appartenente alla famiglia dei “nobili” piemontesi, con cui condivide la genetica; dal Nebbiolo, un antico vitigno a bacca scura, nascono, oltre al vino omonimo, il Barbaresco, il Barolo e il Gattinara.

Come i vini con cui è imparentato, è, dapprincipio, tannico e acido, ma sviluppa, nel tempo, uno straordinario bouquet. Per questo, la vinificazione è seguita da un lungo processo di affinamento, che contempla la fermentazione in acciaio e l’invecchiamento in botti di rovere o di castagno.

Prende il nome dal paese omonico, situato in provincia di Cuneo, all’interno della zona di produzione primaria e le sue sono tra le etichette DOC e DOCG più datate del nostro paese (rispettivamente 1966 e 1981).

Le caratteristiche

Il Barbaresco veste un colore rosso rubino, sfumato al granato e screziato d’arancio e ha caratteristiche di buona consistenza, trasparenza e luminosità.

Gli intensi profumi veicolano richiami floreali (rose e viole), note fruttate (ciliegie e fragole di bosco) e sentori di spezie (pepe e chiodi di garofano), liquirizia, tartufo o cioccolato, il tutto su un “tappeto” lievemente minerale.

All’assaggio, offre una struttura piuttosto complessa e  si rivela caldo e sapido, elegante e armonico, morbido e piacevolmente tannico, oltre che di buona persistenza.

Il servizio

La bottiglia di Barbaresco va aperta da 1 a 2 ore prima della degustazione e il vino va servito in calici di ampie dimensioni, per valorizzare la complessa gamma dei profumi.

La temperatura di consumo consigliata da produttori ed esperti si colloca tra i 18° e i 20° Celsius.

Gli abbinamenti

I migliori accostamenti enogastronomici del Barbaresco si ottengono con i risotti, la pasta fresca, i piatti di carne – anche particolarmente elaborati – e le portate a base di tartufo.

È un vino che realizza ottimi abbinamenti con i formaggi stagionati e piccanti o i dessert al cioccolato fondente ed è sicuramente interessante per la meditazione.

Le immagini della galleria sono tratte dal novero “riutilizzabile” di Google e dalla piattaforma free Pixabay.