Terrario, come progettarlo in poche mosse?

terrario
Terrario in barattolo di conserva

Nove step per un terrario a portata di mano!

Lo sapevi che arredare casa con un terrario è una vera e propria tendenza? Sì, perché avere un mini giardino portatile sul tavolo di cucina o sulle mensole del salotto, è veramente cool!

Piccoli barattoli di vetro delle conserve dalle più svariate forme che ospitano ecosistemi vegetali sono esteticamente belli, creano un’atmosfera scenica senza eguali e poi…sono facili da realizzare!

Puoi anche decidere se creare paesaggi popolati da animali o da modellini di plastica che riproducono le sagome umane: magnifico!

Ma come si progetta un terrario?

 

  1. Prepara un contenitore di vetro con o senza chiusura, puliscilo e sterilizzalo con l’ebollizione in pentola.
  2. Seleziona le piante che più ti piacciono purché siano adatte ad ambienti umidi: Muschio fresco Hypnum, Fittonia, Ficus Pumila e Helexine.
  3. Metti sul fondo del barattolo un mix di sassolini e ghiaia, aggiungi uno strato di carbone attivo e copri il tutto con il terriccio solo dopo esserti assicurato che sia soffice e drenante.
  4. Con il dorso della mano comprimi il terriccio fino ad ottenere uno strato uniforme e ben compatto e con alcune bacchette scava buche grandi quanto il pane di terra delle piantine.
  5. É arrivato il momento di piantare le piantine: inseriscile delicatamente nei fori e poi ricopri la base pressando nuovamente il terreno.
  6. Adesso puoi dedicarti all’estetica decorando lo spazio verde con il muschio fresco, i modellini di plastica e qualche piccola roccia. Inumidisci l’ambiente con una spruzzata d’acqua.
  7. Il terrario non deve essere esposto al sole o essere posizionato vicino a fonti di calore: vuole solo molta luce indiretta.
  8. Quando ti accorgi che la terra è secca e asciutta, preoccupati di bagnarla due o tre volte al mese se il terrario è aperto, una volta al mese se è chiuso.
  9. Per la manutenzione, prenditi cura del tuo mini paesaggio verde rimuovendo con le pinze la muffa e le foglie appassite.

Facile, non trovi?

Via – CASAfacile