Guida alle più belle visite virtuali nei musei italiani

In piena emergenza Covid 19, molti musei italiani hanno aperto sale e collezioni a visite on-line con smartphone, tablet e computer. Ecco una guida alle più belle esposizioni virtuali, per trascorrere le giornate in casa in compagnia di arte, cultura e bellezza

Pinacoteca di Brera, Sale Napoleoniche

In un periodo di grande difficoltà, gli italiani stanno rispondendo con grande senso di responsabilità alle disposizioni messe in atto per limitare il contagio da Covid 19. Molti tra i più importanti musei italiani hanno risposto con prontezza a questa nuova situazione e, dopo aver chiuso l’accesso al pubblico, hanno deciso di portare nelle nostre case le loro collezioni. Aderendo così al progetto #museichiusimuseiaperti, promosso da Mibact, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo.

Sono state così sviluppate delle applicazioni digitali che consentono di visitare mediante smartphone, tablet e computer gli spazi espositivi e le collezioni museali. Un’iniziativa meritevole e di grande valore simbolico, che consentirà di trascorrere piacevoli momenti all’insegna dell’arte e della bellezza. Nell’attesa che questo periodo di emergenza finisca. Consentendoci così di tornare ad ammirare dal vivo questi capolavori, che rappresentano il più importante patrimonio artistico del mondo e il senso più profondo della nostra identità collettiva.

Guida alle più belle visite virtuali nei musei italiani: Pinacoteca di Brera

A Milano, la Pinacoteca di Brera offre l’accesso alle sue collezioni (qui). Tra le opere da non perdere, Cristo Morto di Andrea Mantegna (a sinistra), Il bacio di Hayez, Lo sposalizio della vergine di Raffello, Cena in Emmaus di Caravaggio, la Pietà di Giovanni Bellini e la Pala Montefeltro di Piero della Francesca. Di particolare interesse anche ‘Appunti per una resistenza culturale’, una serie di video in cui i dipendenti, dal direttore
James M. Bradburne ai custodi, illustrano le principali opere della Pinacoteca (qui).

Siamo chiusi”, afferma Bradburne. “Ma questo non significa che il nostro cuore ha smesso di battere. Stiamo tutti lavorando per rendere accessibile tutto il patrimonio della Pinacoteca. Possiamo offrire a tutti il museo, attraverso gli strumenti digitali. Certo non è l’ideale, ma siamo qui e combattiamo questo momento di tristezza e preoccupazione con l’ispirazione e la consolazione dell’arte, per aiutare tutti i cittadini a resistere”.

Guida alle più belle visite virtuali nei musei italiani: Musei Vaticani 

I Musei Vaticani (sopra) offrono invece una serie di tour virtuali ad alcune delle sale più suggestive (qui); dalle Stanze di Raffaello, affrescate dal “divin pittore” tra il 1508 e il 1524 alla Cappella Niccolina, opera magistrale di Beato Angelico; ma anche il Museo Chiaramonti, il Braccio Nuovo, la Sala dei Chiaroscuri. E naturalmente, la Cappella Sistina di Michelangelo (qui).

Guida alle più belle visite virtuali nei musei italiani: Scuderie del Quirinale

Sempre a Roma, le Scuderie del Quirinale riaprono virtualmente le porte della mostra Raffaello. 1520-1483 con video-racconti che, attraverso i canali social (Facebook, Instagram, Twitter e YouTube), permettono di ammirare alcune tra le più belle opere esposte e presentano dettagli e curiosità sull’arte del pittore (qui). Con l’hashtag #RaffaelloOltreLaMostra è possibile ascoltare il racconto dei curatori e partecipare virtualmente agli incontri ospitati a palazzo Altemps prima dell’apertura al pubblico dell’esposizione. Tanti i contributi offerti anche da importanti studiosi che, attraverso pillole video, approfondiscono le opere e le principali tematiche relative all’arte di Raffaello.

Le attività on-line proseguono con #RaffaelloInMostra: video-passeggiate all’interno delle sale, arricchite da dettagli e curiosità sulle opere e incursioni nel backstage, con il racconto dell’allestimento della rassegna.

Raffaello 500 

Un’altra interessante risorsa digitale dedicata al Sanzio è Raffaello 500, (qui) che in occasione del 500° anniversario della morte dell’artista, consente di ammirare i capolavori più famosi e alcune gemme meno note provenienti da diversi musei del mondo, tra cui i  Musei Vaticani, il  Louvre, la  Galleria degli Uffizi, il  Prado,  Villa Borghese e il Museo dell’Ermitage.

Guida alle più belle visite virtuali nei musei italiani: Musei in Comune di Roma e Galleria degli Uffizi

Offrono interessanti tour virtuali anche i Musei in Comune di Roma (qui): Musei Capitolini, Mercati di Traiano, Museo dell’Ara Pacis, Museo Napoleonico, Casino Nobile del Museo di Villa Torlonia. Visite a tutto schermo e ad alta definizione degli ambienti con hotspot che consentono di approfondire gli argomenti attraverso foto, video e testi.

Non poteva mancare da questa selezione la Galleria degli Uffizi di Firenze, che mette a disposizione una selezione delle principali opere (qui), corredate di una esauriente descrizione storico-critica con rimandi ipertestuali. Oltre a una serie di percorsi tematici, come quello dedicato a Dante Alighieri (Non per foco ma per divin’arte. Immagini dantesche dalle Gallerie degli Uffizi, (qui).

Arte contemporanea

Infine, per quanto riguarda l’arte contemporanea, il MAXXI, Museo delle Arti del XXI Secolo amplia i suoi strumenti di fruizione on-line di ambienti, installazioni e opere (sviluppati nell’ambito del Google Art Project) con la nuova sezione #iorestoacasa con il MAXXI (qui), Il Museo del 900 di Milano propone invece visite virtuali nelle sue sale espositive (qui), con cinque percorsi tematici dedicati ai Dieci Capolavori, a Umberto Boccioni, alla Collezione, ad Arturo Martini e Lucio Fontana.