Piante officinali in giardino – Ginestra

Ginestra - 1
fiori di Ginestra - 1
Ginestra – poesia e virtù naturali

La Ginestra Genista per i botanici – è una pianta fiorita, suffruticosa (perenne e legnosa), originaria del nostro continente e delle zone dell’Asia e dell’Africa a noi più prossime.

Ha una forma arbustiva e mostra una chioma ramificata, quasi priva di foglie; al termine dello sviluppo può raggiungere un’altezza massima compresa tra i 2 e i 3 metri.

È una pianta nota e citata sin dall’antichità; i Greci e i Latini la utilizzavano per attrarre le api mellifere. Tra i vari significati simbolici che le vengono ascritti, il più frequente è quello d’essere icona della modestia e della semplicità.

La Ginestra va obbligatoriamente citata come il fiore del deserto della celebre lirica di Leopardi, ove è protagonista delle metafore poetiche sulla sua capacità d’insediarsi in terreni aridi e difficili.

Appartenente alla famiglia delle Papillonacee, ha buone qualità ornamentali, compare spesso nei giardini di roccia e la sua coltivazione non presenta grandi difficoltà.

Caratteristiche

Le rare foglie della Ginestra si presentano in sequenze alternate – ai lati dei fusti verde grigio, di cui assumono il colore – e cadono alla prima fioritura, intorno al mese di maggio.

La fioritura perdura per tutta l’estate e mostra i caratteristici fiori dal giallo luminoso, che tendono a riunirsi in racemi, infiorescenze in cui s’inseriscono su un asse centrale, con peduncoli di uguale lunghezza.

Il frutto della Ginestra è un baccello, che ne ingloba i semi, e veste un colore assai scuro, tendente al nero.

Proprietà officinali

La Ginestra ha diverse doti benefiche; i preparati erboristici utilizzano i principi racchiusi nei semi e nei fiori, per sviluppare effetti sedativi, depurativi e vasocostrittori (alzano la pressione del sangue).

Secondo studi recenti, hanno anche qualità antireumatiche – soprattutto per le articolazioni – oltre che cardiotoniche e diuretiche.

È una pianta utilizzata spesso in cosmetica, per il delicato profumo dei suoi oli essenziali.

Naturalmente, qualsiasi utilizzo richiede il consiglio di un esperto, per evitare effetti indesiderati, legati a dosaggi o accostamenti erronei. In ogni caso, non è indicata in caso di ipertensione ed è sconsigliata in gravidanza.

Collocazione e cure

La Ginestra è una pianta che predilige i climi mediterranei e una buona esposizione solare. Resiste bene anche alle basse temperature, purché non scendano troppo sotto lo zero.

Il suo habitat ideale è un composto di terra alcalina (non acida) ben drenata; può contenere anche argilla e non occorre che sia particolarmente ricco.

È una pianta che non richiede grandi quantità d’acqua, se è collocata in giardino. Saranno invece utili annaffiature più regolari per le coltivazioni in vaso. Il terreno va mantenuto umido, evitando i ristagni idrici.

Dopo la fioritura, può essere utile una potatura, che elimini le sommità dei rami (cimatura), oltre agli elementi rotti o danneggiati.

Il suo sviluppo può essere agevolato dalla somministrazione, alla fine della stagione invernale, di un concime classico per piante da fiori, meglio se granulare, a lento rilascio.

Le immagini della cover e della galleria sono state tratte dalla piattaforma free Pixabay.