Kashida Design

Il nuovo Ponte tra la tipografia araba e il design contemporaneo

È una storia d’amore per il product design quella che raccontano Elie Abou Jamra e Mirna Hamady, i due soci fondatori di Kashida, uno studio di design contemporaneo nato a Beirut nel 2011.

Una storia che sta a metà tra il mondo arabo e la cultura occidentale.

Kashida in arabo vuol dire collegamento ed è, graficamente, il tratto che unisce due lettere. E’ un ponte, quindi, relazionale, necessario per dare significato alla parola.

È questo ponte che i due designer libanesi hanno cercato di costruire fino dai tempi dell’università, condividendo la passione per la tipografia. Una ricerca che li ha portati a celebrare la bellezza della calligrafia araba, superando l’approccio ornamentale classico per esplorarne le potenzialità 3D con la creazione di oggetti di design funzionali che rispondano alle esigenze ergonomiche e di stile di vita delle persone.

Ogni lettera ha la sua declinazione: “Meem” (M) si trasforma in un tavolino da salotto, “Sin” (S) in uno scaffale, Ha (H) diventa uno specchio. Dalla loro combinazione nascono parole magiche e oggetti di design che si armonizzano perfettamente con lo stile di vita contemporaneo, coniugando bellezza e funzionalità.

Kashida è un brand unico, come i pezzi che crea. Il suo successo in tutto il mondo è la dimostrazione plastica che le culture non hanno confini. E che la costruzione di ponti non è roba solo da ingegneri.

Via – Kashida Design

DesignHome

Pinterest