Blu Majorelle

Majorelle

Un’oasi vibrante di colore che ha rapito il cuore di Yves Saint Laurent, stilista parigino, simbolo di una moda raffinata, moderna e innovativa. I Giardini Majorelle, con migliaia di piante esotiche che abbracciano la villa in stile eclettico, si trovano a pochi chilometri dalla Medina di Marrakesh e prendono il nome da Jacques Majorelle. L’artista francese innamorato tanto della cultura araba quanto della botanica esotica che, negli anni 20, acquistò un palmeto per farne un luogo di pace e bellezza, arte e natura, dove vivere e lavorare. Majorelle affidò a Paul Sinoir, architetto conosciuto in gioventù a Parigi, la costruzione di una casa-studio. Questa era pensata come un omaggio al cubismo con evidenti influssi moreschi.

Majorelle
L’edificio rappresenta nelle sue forme un omaggio al cubismo con evidenti influssi moreschi e ispirazione berbera nei colori

Il proprietario si riservò invece il progetto del giardino, a cui diede una forma d’oasi verde con giochi di contrasti tra la luce accecante del Marocco e l’ombra fluttuante delle piante: un quadro impressionista pennellato di vegetazione, vasche di ninfee e fontane decorate con piastrelle in terracotta, secondo la tradizione del giardino islamico. Nell’arco di quarant’anni arrivarono nel parco palme, cactus, olivi, banani, limoni, allori, palme da cocco, bambù, gelsomini, agavi, come risultato di una ricerca botanica condotta da Jacques Majorelle in tutto il mondo.

Indice dei contenuti dell'articolo

Blu Majorelle

L’iconico blu Majorelle contribuisce ad accendere le sfumature di verde della vegetazione

La ricerca sul colore presto coinvolse anche la villa, mentre la proprietà crebbe di dimensioni fino a raggiungere i novemila metri quadrati. Folgorato da una tonalità di blu fredda e intensa vista nei villaggi berberi e alla kasbah di Marrakesh, l’artista creò il Blu Majorelle, una tinta destinata a renderlo immortale. L’esplosione cromatica trovò così il suo compimento. I muri del giardino, le pareti della villa, le fontane, si colorarono di un blu cobalto intenso ed espressivo. I pavimenti piastrellati della proprietà, accesi del rosso della terra ‘cruda’ marocchina, le anfore e le panche giallo limone che punteggiano il giardino completano il quadro. Un capolavoro che Majorelle decise di condividere, aprendo la sua creazione al pubblico nel 1947. Di questo si compone la magia dei giardini Majorelle che generano un senso di meraviglia in qualsiasi flaneur.

blu Majorelle
Un dettaglio dei muri, tutti dipinti in Blu Majorelle, in vivace contrasto con il giallo limone di vasi e anfore

A esserne rapito irrimediabilmente fu anche Yves Saint Laurent che nel 1966 li visitò insieme al compagno e socio Pierre Bergé. “Abbiamo familiarizzato rapidamente con questo giardino e ci andavamo tutti i giorni” scrisse Bergé nel libro “Yves Saint Laurent. Une passion marocaine”. Era aperto al pubblico, ma quasi vuoto. Eravamo sedotti da questa oasi dove colori alla Matisse si mescolavano con quelli della natura”.  

Nuova vita per i Giardini

Cactus, banani, una selezione di palme rare, platani e felci riempiono i circa 8.000 metri quadrati della proprietà

Morto Jacques Majorelle, per oltre un decennio il destino della proprietà sembrava destinato a un lento declino. Ma Saint Laurent e Bergé diedero una svolta, acquistando i Gardini Majorelle nel 1980. “Quando abbiamo saputo che il giardino doveva essere venduto e sostituito da un hotel, abbiamo fatto di tutto per impedire che questo progetto si realizzasse. È così che alla fine siamo diventati proprietari del giardino e della villa”, ribattezzata Oasis. “E abbiamo ridato vita al giardino nel corso degli anni”. Ispirato dalla cultura e dalle sfumature marocchine della casa che diventò il suo buen retiro, Yves Saint Laurent ha spesso popolato le sue collezioni della tavolozza dei Giardini Majorelle e degli influssi berberi che qui ha respirato. Alla sua morte, avvenuta nel 2008, le ceneri sono state disperse nel roseto ed è stato eretto un memoriale per ricordarlo. 

I pavimenti sono accesi del rosso della terra ‘cruda’ marocchina

Oggi i Giardini Majorelle sono tra i più visitati e amati al mondo, comprendono un museo berbero, inaugurato nel 2011 in quello che fu l’atelier di Majorelle, oltre ad alcune esposizioni temporanee e un bistrot. A pochi passi sorge l’YSL Museum, progettato da Olivier Marty e Karl Fournier dello Studio KO. In questo modo si racconta e si fa vivere il lavoro dello stilista francese e il suo eterno legame con i Giardini Majorelle e il Marocco. 

Foto di: Nicolas Mathéus, Fondation Jardin Majorelle

Gallery