A Villa Borghese riapre un giardino segreto…

L’attesa è finita, il Giardino Segreto di Tramontana rinasce a Villa Borghese

Dopo tanta attesa a Roma, precisamente all’interno di Villa Borghese, rinasce il Giardino Segreto di Tramontana. Un restauro a tutti gli effetti in cui sono state piantate quasi 1000 piante e una varietà di fiori tra cui 300 tagate gialle, salvie ornamentali e due varietà di Hibiscus mutabis, che cambia le sue tinte col susseguirsi delle ore del giorno, secondo il cambio di luce.

Denominato in passato “giardino di cipolle”, per le numerose bulbose da fiore, questo giardino situato nell’ala nord ovest  della Galleria, è uno dei tre giardini nascosti della Villa, gli altri due sono la “Meridiana” e il “Parterre”.

Ma chi sostiene questo progetto?

I Mecenati della Galleria Borghese, diretti da Maite Bulgari sono parte attiva di questo recupero, insieme al Comune di Roma, che segue la gestione dei Parchi e delle Ville storiche, per il restauro del giardino. La mission principale è quella di curarne la vegetazione, rivededendo la geometria delle aiule e di ripulire la fontana con il drago Borghese, un vero gioiello del viale centrale.

Questa chicca naturale, eredità dell’hortus conclusus risalente al Medioevo, ha una struttura rettangolare di circa 90 metri, intervallata da una serie di aiuole che rende il tutto molto armonioso, con una simmetria tipica del giardino all’italiana ben visibile dalle finestre del Museo.

Un angolo nascosto davvero molto suggestivo, che merita di essere visitato con tutta calma, per poi concedersi una piacevole passeggiata all’interno del parco e magari fare un break alla Caffetteria Casina del Lago, un angolino delizioso e raffinato, dove potersi rilassare da soli o in compagnia.

Fonte delle foto: Ansa.it