Un’immersione nella natura: Crespi Bonsai Museum

Crespi Bonsai Museum

Tutti al Crespi Bonsai Museum!

A Parabiago, in provincia di Milano, c’è il paradiso dei bonsai: è il Crespi Bonsai Museum, il primo museo permanente di queste piante.

Fu aperto nel maggio 1991 grazie al sapiente lavoro di Luigi Crespi, una personalità molto apprezzata nell’ambito del paesaggismo. D’altronde fu il primo a portare in Italia la progettazione dei giardini giapponesi, realizzandoli con materiali direttamente importanti dal Sol Levante.

Nello stesso anno della fondazione del Museo, ricevette infatti l’Ambrogino d’oro.

Una filosofia paesaggista che tocca i sentimenti

“Il bonsai è un’opera d’arte vivente in continua trasformazione che permette di osservare da vicino il passare delle stagioni, ogni suo cambiamento dà emozione”.

A partire da questa filosofia, Luigi permise a curiosi e appassionati di ammirare la sua preziosa collezione. Non solo di piante, ma anche di libri e di contenitori per bonsai di epoca Qing, Tokugawa e Meij: un patrimonio inestimabile.

La struttura del museo

In una struttura d’ardesia e pietra di Barge emergono esemplari importanti di questa specie botanica: dai Kaneko agli Ogasawara, dai Kato ai Kawahara, incredibile è la quantità di bellezza contenuta in piante così piccole.

Il pezzo più importante della collezione è il Ficus retusa Linn, d’età ormai millenaria, che gode di una collocazione speciale: si trova infatti al centro di un’elegante pagoda.

Quando visitare il Crespi Bonsai Museum?

Ogni stagione è buona per visitare il Museo: le piante vengono esposte, infatti, a rotazione, per preservarne l’aspetto migliore. Ogni bonsai, infatti, ha il suo peculiare rapporto con la temperatura esterna: alcuni preferiscono il caldo, altri danno performance migliori con il freddo.

Se tutti questi motivi non bastano per essere affascinati dal mondo del bonsai, con la sua alta carica spirituale il Museo permetterà di ritrovare il rapporto perso con il mondo vegetale. E riscoprire, così, il proprio ritmo biologico naturale.

Produzione riservata
Pubblicato il: 16/10/2017
Commenti
Abbonati o Regala
Scopri di più