Il Bucaneve annuncia la primavera

La natura non dorme mai, neanche quando il gelo imperversa: sai che il Bucaneve è il fiore di Febbraio per eccellenza?

È tra i fiori resistenti al freddo più belli della stagione invernale e con la sua tempra insegna a brillare anche nei momenti più bui. Non a caso, il fiore è noto anche come Stella del mattino per via della sua fioritura precoce rispetto agli altri fiori stagionali.

Il Galanthus Nivalis è una pianta perenne erbacea che proviene dalla famiglia delle Amaryllidaceae: il suo fiore a campanula si compone di tre petali color bianco latte. Il nome del genere deriva infatti dalle parole greche gala (latte) e anthos (fiore), mentre il suo nome specifico (cioè nivalis) ricorda la sua primaticcia fioritura in mezzo alla neve.

Una dolce leggenda

Una leggenda vuole che addirittura la storia di Adamo ed Eva si intrecci con questo fiore. C’è una deriva inglese che infatti narra di una Eva scacciata dal paradiso terrestre che ritrova speranza grazie all’apparire di un bucaneve, merito del miracolo di un angelo.

Consigli per la coltivazione

Il fiore si coltiva facilmente, grazie alla sua autonomia: va piantato a 5 cm di profondità in autunno in terreni soleggiati in inverno, preferibilmente in prossimità di piante caducifoglie.

Qual è il suo significato?

Nel linguaggio dei fiori, il bucaneve indica purezza e forza, oltre che ottimismo e virtù: per questo motivo si utilizzano spesso nei bouquet delle spose. Qualcuno sostiene che indossarlo comporti una chiarificazione della mente, che viene indotta a pensare onestamente: che sia vero o no, la grazia del fiore è subito evidente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here