Elleboro, la rosa di natale che fiorisce tra la neve

Elleboro, Via - DonnaClick

L’inverno è alle porte ed è ora di pensare a come decorare il giardino con i fiori perenni, come ad esempio l’ Elleboro, il fiore dell’inverno per eccellenza.

Forse uno tra i fiori più resistenti alle rigide temperature, la Rosa di Natale cresce in ambienti ostili tra la neve fresca e il ghiaccio del sottobosco.

Se vuoi coltivarlo, non preoccuparti, non è necessario che il tuo spazio verde sia ricoperto di neve: basta solo che le temperature siano rigide a tal punto da consentirne la fioritura.

E per quanto riguarda il terreno, si consiglia di mantenerlo umido.

La pianta cresce in un ciuffo compatto che può raggiungere i 30 cm di altezza: le foglie sono frastagliate di un color verde bottiglia, mentre i petali tracciano una timida silhouette di un bianco neve.

L’ Elleboro, il fiore dei giardini invernali

L’ Elleboro è il tipico fiore da decorazione per i giardini rocciosi o per dare un tocco di delicatezza ai balconi fioriti. Sì, perché si può coltivare anche in vaso prendono le giuste precauzioni: si consiglia infatti di metterlo a dimora in primavera o tutt’al più a settembre, quando la stagione ha temperature piacevoli.

Ma come coltivarlo?

Assicurati di porlo a dimora in zone semi-ombreggiate dove la luce solare lo illumina solo per alcune ore del giorno. Il terreno deve essere ben drenate e ricco di humus (se preferisci puoi aiutarti con lo stallatico).

  1. Prepara il terreno con una buona vangatura per rimuovere le erbacce e le piante infestanti.
  2. Aggiungi il terriccio da piantagione e lo stallatico.
  3. Annaffia il vasetto per reidratare la zolla di terra prima della piantagione.
  4. Scava una buca profonda circa 20-25 cm e adagia il vaso assicurandoti di mantenere la zolla con la parte superiore al livello del suolo.

Dopo la semina concedi qualche cura all’ Elleboro

L’ Elleboro non richiede cure particolari: durante il primo anno puoi annaffiarlo regolarmente per consentirne il radicamento corretto ed elimina le foglie rovinate e i fiori appassiti.

Assicurati che il terreno sia sempre ben drenato e concimato e che il tasso di umidità rimanga costante per evitare l’attacco di malattie fungine come, ad esempio, il mal nero delle rose. 

E se sei un vero creativo, non ti resta far altro che progettare composizioni floreali dal sapore invernale: aggiungi le viole, i ciclamini napolitani, i bucaneve, i narcisi nani e il mughetto.

E poi vedrai che balcone da far invidia ai vicini!

Via – GreenStyle

Produzione riservata
Pubblicato il: 03/10/2017
Commenti
Abbonati o Regala
Scopri di più