Cosa fare per il ponte del 2 giugno? Palazzo Lanza Tomasi

Esperienza sensoriale al Palazzo del Gattopardo

Nel cuore di Palermo, nel quartiere di Kalza tra le stradine dal sapore barocco e l’aria speziata che profuma di Frangipani, incontriamo Palazzo Lanza Tomasi, la storica dimora del Principe Giuseppe Tomasi di Lampedusa ovvero il celebre autore del romanzo “Il Gattopardo”.

Il Palazzo che è stato costruito intorno alla fine del Seicento, si affaccia sul bellissimo lungomare palermitano mettendo in mostra la sua sontuosa facciata e la lussureggiante terrazza, un vero e proprio giardino pensile ricco di essenze mediterranee e subtropicali, creando un gioco di contrasti di luci e grandi geometrie di spazi.

Una Villa unica nel suo genere completamente arredata secondo il carattere e lo stile delle grandi dimore patrizie palermitane: i mobili e gli arredi appartengono alla migliore ebanisteria siciliana e le pareti sono decorate con una collezione di opere di artisti moderni e contemporanei, tra cui alcuni bozzetti di scenografie di Arnaldo Pomodoro, Mimmo Paladino, Giulio Paolini, Robert Wilson e due ritratti a penna di Pablo Picasso.

Il piano nobile del Palazzo costituisce in gran parte la casa museo dello scrittore; la biblioteca storica di Giuseppe Tomasi di Lampedusa è rimasta intatta dall’epoca della sua morte e la sala da ballo raccoglie tutti i suoi manoscritti, fra cui il famosissimo “Il Gattopardo”.

Il terzo piano, arredato con mobili d’epoca e con splendide terrazze vista mare e centro storico, ospita, invece, suites e appartamenti che vengono affittati per periodi brevi ai turisti che vogliono godere di questo diamante prezioso ricco di cultura.

L’accoglienza è curata personalmente dai padroni di casa, Gioacchino e Nicoletta Lanza Tomasi che abitano il Palazzo e che ospita numerosi eventi culturali, concerti, mostre, presentazioni di libri, ma anche cocktails, pranzi e cene.

Nicoletta prepara i menù locali con piatti tipici siciliani reinterpretati secondo il proprio gusto, sempre con un pizzico di magia e di contaminazioni di sapori culturali.

Ma l’esperienza gastronomica non finisce qui, la Duchessa organizza anche corsi di cucina siciliana: prima tappa visita al pittoresco Mercato del Capo seguita dalla preparazione della propria ricetta nella storica cucina del Palazzo.

E, per concludere in bellezza l’esperienza sensoriale, pranzo e visita al piano nobile e alla terrazza.

Via – Dimore Storiche Italiane

Per immagini – The Arbuturian

Produzione riservata
Commenti
Abbonati o Regala
Scopri di più