Mostre

Ville e Giardini nei sui articoli ed editoriali cerca sempre di descrivere al meglio e di far conoscere al vasto pubblico l’arte e la cultura che ci circonda, consigliando eventi e portando alla luce maestri d’arte sconosciuti.

Così gli articoli, di carattere descrittivo ed informativo, riescono a conferire al lettore un panorama ampio sul mondo dell’arte: dalle aziende, ai libri, agli eventi, alle opere o ancora alla fotografia.

Ville e Giardini: l’arte e la cultura

Talvolta si sceglie una città, paese o nazione dove condurre la propria vita semplicemente per quello che può offrire al nostro bagaglio culturale, non solo per via del lavoro o delle origini.

Così molti luoghi d’arte vengono affollati per alimentare la sete di conoscenza, propria dell’essere umano, e Ville e Giardini attraverso i suoi editoriali ed articoli vuole dare conoscenza, a tutti gli appassionati, dei vari eventi artistici, fiere, libri ed opere d’arte in modo che possano essere ammirate e consultate.

Originale e irriverente: l'arte di Baruchello

Gianfranco Baru...

Gianfranco Baruchello: il sapore de...
Hiroshige. Visioni dal Giappone alle Scuderie del Quirinale

Hiroshige: visi...

Hiroshige: la pittura del Sol Levan...
Racconti Immaginari

Tre mostre per ...

Milano, altro che mare: un'estate a...
A Venezia inaugura la mostra multimediale Magister Canova

Viaggio (multim...

Un percorso multimediale alla scope...
prima img - "Fogli Nudi" di Motiscause a iPazziFactory (Pisa)

Mostre d’...

Motiscause a Pisa - Fogli Nudi ... ...
A Carrara inaugura la mostra Colori e forme del lavoro

A Carrara inaug...

Nella splendida cornice di Palazzo ...
L’invisibilità è una qualità desiderata ma mai ottenuta (Harry Potter escluso, ovviamente). Solo alcuni rappresentanti del regno animale vi si sono avvicinati adoperandosi con la mimetizzazione. Questo succedeva prima dell’uomo invisibile. È Liu Bolin, l’artista cinese celebre per le sue straordinarie performances nell’arte del camouflage che l’hanno reso apprezzato dal pubblico internazionale e scelto dai maggiori brand per le loro campagne pubblicitarie. È alla sua arte che è dedicata la mostra “Liu Bolin – The invisible man” al Complesso del Vittoriano – Ala Brasini di Roma fino al 1 Luglio 2018. Un percorso immersivo in cui lasciarsi sorprendere a ogni… invisibilità. Per chi non conoscesse la sua acclamata storia, tutto ebbe inizio nel 2005 quando l'amministrazione di Pechino ordina di abbattere il quartiere Suojia Village, dove risiedono molti artisti critici con il governo. Liu Bolin si mimetizza con le macerie del suo studio, si fa fotografare e divulga la foto dando il via a una protesta silenziosa e "trasparente", riscuotendo allo stesso tempo un inaspettato successo. Da allora le sue performances si susseguono: il contesto cambia, ma ciò che non cambia mai è la metodologia utilizzata: Liu Bolin immobile come una scultura vivente e perfettamente integrato al paesaggio retrostante grazie a un accurato body-painting. Il silenzio della composizione atterra lo spettatore e al contempo riesce nel suo obiettivo: comunicare in maniera efficace ciò che accade nel presente, tra il peso di quello che è stato e le conseguenze del progresso. Il camaleonte La sua arte camaleontica è stata apprezzata e notata anche dai grandi brand che lo hanno scelto per pubblicizzare il proprio marchio. Uno fra tutti Moncler che con la campagna pubblicitaria per la stagione autunno-inverno 2017/18 aveva portato Liu tra gli iceberg dell’Islanda, per poi farlo magistralmente sparire in una palette di tonalità di grigi ed evanescenti azzurri. Oltre 70 le opere presenti a Liu Bolin – The invisible man ambientate in tutto il mondo e che raccontano la storia dell’artista, dalla prima perfomance a Pechino fino agli scatti più recenti del 2017 alla Reggia di Caserta e al Colosseo. E, in occasione della mostra romana, curata da Raffaele Gavarro, organizzata da Arthemisia, e realizzata con il patrocinio della Regione Lazio, un’attenzione particolare è stata dedicata ai luoghi dell’italianità. Spiccano i due templi della lirica come il Teatro alla Scala di Milano e l'Arena di Verona, nonché capolavori dell’arte quali la statua di Paolina Bonaparte Borghese di Antonio Canova, gli affreschi di Pompei, la magia di Venezia.

L’invisib...

L’invisibilità è una capacità desid...
GHITTI: Tavola degli antenati

La scultura? È ...

Dalla Val Camonica alla Svizzera: F...
fotografia W. Eugene Smith nel suo studio - © Arnold Crane portfolio of photographs, 1968-1969. Archives of American Art, Smithsonian lnstitution

Mostre d’...

W. Eugene Smith - il tentativo di c...
"Immagine della città" - tecnica mista su carta, 1974

Mostre d’...

Ugo La Pietra - un artista trasvers...

Articoli recenti

le creazioni di Loretta Caponi

L’inca...

I fiori di bignonia

Piante per i...

La mostra One • One Planet One Future

One • One Pl...

Women Design, Libby Sellers

Women Design...

Hotel di design: Parco dei Principi a Sorrento

Questa estat...

Il busto di San Lorenzo di Donatello a Palazzo Venezia

Mostre dR...

Ad Arezzo c’è la mostra iCons viaggio lungo 50 anni nel design

Come soddisf...