Lagestroemia Indica

La Lagerstroemia Indica è un piccolo, elegante albero a foglie decidue, originario della Cina, del Giappone e dell’India. Questo nome singolare le è stato assegnato dal celebre botanico Linneo, in onore dell’amico Magnum Von Lagerström.

È presente, nella varietà più piccola, da 4 a un massimo di 10 metri, in diversi giardini del nostro paese, per la sua resistenza alle basse temperature e a gran parte delle patologie territoriali.

Caratteristiche

La Lagerstroemia indica ha una chioma piuttosto larga e piccole foglie, ovaliformi, di color verde brillante – che scuriscono col tempo e mostrano fasi rosse alla comparsa dei boccioli – e parentesi giallo-arancio, per parte dell’autunno.

La miglior caratteristica estetica di questa pianta è la fioritura. Durante la tarda primavera e per tutta l’estate, compaiono infiorescenze a forma di pannocchia – morfologia da cui prendono il nome.

Ogni pannocchia è un suggestivo assemblaggio di piccoli fiori, con cromatismi rossi, rosa o viola ad elementi bianchi, secondo le varietà. I fiori vengono successivamente sostituiti da bacche verdi, che si seccano e cadono, rilasciando i semi.

Ha una corteccia con una piacevole sfumatura grigio-marrone, che si rinnova ogni anno, sfaldandosi per moduli, staccandosi e lasciando il posto a un nuovo involucro, roseo, tenero e privo di asperità.

Collocazione e cure

La Lagerstroemia Indica ama i terreni freschi, fertili, ben irrigati e drenati, con una preferenza per quelli argillosi o calcarei. Preferisce gli angoli soleggiati, ma può resistere fino a 15 °C sotto zero.

Può assumere sia forma di alberello – che richiede solo poche potature invernali – o, se si dispone di spazio, di arbusto, magari in guisa di siepe, con una crescita più spontanea.

Le immagini della cover e della galleria sono tratte dal novero classificato “riutilizzabile” da Google e dalla piattaforma free Pixabay.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here